Sono pochissimi gli automobilisti che riescono a resistere al fascino della velocità pura, ancor meno quelli che possono permettersi le supercar proposte dalle case automobilistiche. Modelli in grado di far sognare, ma destinati a pochissimi eletti: i prezzi esorbitanti, infatti, le rendono dei veri e propri gioielli che sarebbe un peccato utilizzare nel semplice traffico cittadino. Tra di esse un ruolo importante se lo sono ritagliato le case italiane, sempre più protagoniste in un segmento capace di scaldare i cuori degli appassionati: ecco un elenco delle più potenti in circolazione.

Ferrari LaFerrari.

Il primo posto spetta senza dubbio alla creatura della casa di Maranello. Il suo nome è già storia: prima di essere messa in vendita, al prezzo di un milione di euro l'uno, i 500 esemplari previsti erano già terminati. La supercar del Cavallino rappresenta l'espressione massima della casa italiana e racchiude tutta la tecnologia disponibile al momento: la peculiarità del modello, però, è HY-KERS, la tecnologia ibrida derivante dalla Formula 1. Prestazioni super grazie a un motore a benzina V12 di 6262 cm3 da 800 Cv e con una punta di 9250 giri al minuto. A questo si aggiunge un propulsore elettrico da 120 Kw per una potenza totale di 963 Cv che la fa accelerare in meno di 3 secondi da 0 a 100 km/h fino ad arrivare a una velocità massima di 350 km/h.

Mazzanti Evantra.

Dietro al Cavallino c'è una vettura che solo i veri appassionati conoscono: si tratta della Mazzanti Evantra, la supercar della factory toscana che ha subito un corposo restyling sia in fatto di look che di prestazioni. Sono soprattutto queste ultime a lasciare senza parole. Rispetto al modello precedente, il V8 è stato rielaborato al fine di innalzare ulteriormente le prestazioni e la potenza massima ora tocca quota 751 CV; l'upgrade del propulsore ha portato ad un adeguamento della scheda tecnica, che segnala uno scatto 0-100 km/h nell'ordine dei 3 secondi netti mentre la velocità massima è di 360 km/h. Numeri da capogiro per una vettura prodotta in serie limitata ed esclusivamente su richiesta. Il prezzo? Dipende dalle richieste del cliente, ma si parte da una base di circa 600 mila euro.

Lamborghini Centenario.

Tra le supercar italiane non poteva certo mancare quella prodotta dal marchio del Toro; la più potente tra le vetture della casa di Borgo Sant'Agata è senza dubbio quella creata per festeggiare il secolo di vita del marchio. Solamente 40 esemplari – 20 Coupé e 20 Roadster – e un prezzo base di 1,75 milioni di euro la rendono uno dei modelli più esclusivi sul mercato. Al centro del progetto Lamborghini non poteva che esserci il potente propulsore V12: la rielaborazione dello stesso consente di portare la Centenaro fino alla potenza massima di 770 CV che permettono alla supercar del Toro di accelerare da 0 a 100 km/h in 2,8 secondi mentre la velocità massima è superiore a 350 Km/h.

Lamborghini Veneno.

Linee sinuose e disegnate dal vento, prestazioni da urlo: sono queste le caratteristiche di ogni supercar che si rispetti. Tra di esse c'è senza dubbio la Lamborghini Veneno. Un modello quasi unico tanto che la casa italiana ha deciso di produrne solo 3 esemplari, venduti per 3 milioni di euro l'uno. Come nel caso della sorella, anche questo esemplare può contare sulla potenza del V12 in posizione centrale capace di erogare 750 Cv per una velocità massima di 354 km/h. Un bolide pronto per la pista che non disdegna particolari estetici per veri intenditori come, ad esempio, l'apertura delle portiere ad ali di gabbiano.

Ferrari F12 Berlinetta.

Il Cavallino apre e chiude questa speciale classifica: se LaFerrari è l'espressione massima in termini di supercar stradali, la sorella minore non passa certo inosservata. L'erede della 599GTB, infatti, può contare su potenza massima di 740CV e prestazioni che la fanno entrare di diritto nella schiera dei bolidi da sogno: l’auto, infatti, è capace di scattare da 0 a 100 km/h in soli 3,1 secondi, mentre per arrivare a 200 km/h occorrono 5,4 secondi. Invidiabile anche la velocità massima, pari a 340 km/h. A farla rientrare nella categoria dei sogni difficili, ma non irrealizzabili è il prezzo: solo 274 mila euro per averla, spicci in confronto al milione di euro richiesto per la sorella maggiore.