Si sono ufficialmente chiusi i test di Formula 1, ultimo appuntamento prima del debutto mondiale che avverrà sulla pista di Melbourne il prossimo 26 marzo. Dopo la zampata di Raikkonen nella mattina, capace di abbassare ancora il record della pista dopo la prestazione del suo compagno di squadra Sebastian Vettel, il finnico si è dedicato al passo gara nel pomeriggio.

in foto: Kimi Raikkonen – Getty Images

Piccolo inconveniente per la Rossa.

A frenarlo, però, è stato un problema elettrico: il ferrarista, infatti, dopo essere andato in testacoda in una chicane, è stato costretto a fermarsi proprio nel mezzo della sessione pomeridiana: un inconveniente, però, che non desta preoccupazione visto che i meccanici della Rossa hanno risolto in tempo il guaio per rimandare in pista la SF70H prima della bandiera a scacchi. Un problema che non ci voleva per la Ferrari, ma che non smorza l'entusiasmo che si respira a Maranello. Nonostante lo top forzato nessuno è riuscito ad avvicinare la prestazione del finlandese che chiude così con il record. Dietro di lui tutto invariato con la seconda posizione ben salda nella mani di Max Verstappen e la terza occupata da Carlos Sainz Jr.

Hamilton lavora sul passo gara.

Nel pomeriggio è sceso in pista anche Lewis Hamilton che ha scambiato il volante della W08 Hybrid con il suo compagno, Valtteri Bottas. Per l'inglese 54 giri, utili soprattutto a testare il proprio ritmo in vista della prima gara dell'anno: l'attenzione, in casa Mercedes, è alta soprattutto dopo le ultime prestazioni della Ferrari, impossibile abbassare la guardia proprio ora. Chi dovrà alzare l'asticella della prestazioni e soprattutto dell'affidabilità, invece, è la McLaren, troppo spesso ferma ai box per problemi di varia natura: la casa di Woking è stata una delle sorprese negative di questi test, urge un cambio di rotta per non presentarsi alla prima gara in Australia rischiando una doppia figuraccia.