in foto: L'incidente di Kimi Raikkonen durante i test al Montmelò

Attimi di paura nei test di Barcellona: la Ferrari di Kimi Raikkonen, durante la sessione di prove del pomeriggio, ha perso aderenza in Curva 3 finendo prima nella ghiaia e sbattendo poi contro le barriere di protezione. Nessun danno per il pilota finlandese, ma bandiera rossa sul tracciato e Rossa portata immediatamente al box.

Ad essere danneggiata è soprattutto la parte anteriore della SF70H che è andata in sovrasterzo proprio in uno dei punti più veloci del circuito catalano: fortunatamente la vettura ha avuto il tempo di perdere velocità grazie all'ampia via di fuga. Al momento dell'incidente Raikkonen stava percorrendo il 54esimo giro della sua giornata, il primo lanciato con gomme medie. Puntuali i soccoritori, ma il pilota della Rossa è riuscito ad uscire dall'abitacolo con le sue forze, senza dover ricorrere all'aiuto degli steward a bordo pista. Un inconveniente che non ci voleva per la scuderia di Maranello che tanto bene stava facendo in questi test invernali.

La telemetria non ha evidenziato alcun problema, lecito pensare a un errore del pilota anche per la dinamica dell'incidente. Proprio in seguito al botto la ruota anteriore si è aperta strappando la sospensione e danneggiando il muso. Adesso i tecnici del Cavallino, dopo la riunione con il pilota per capire se si è trattato di un errore o di problema strutturale della monoposto, si metteranno subito al lavoro per valutare i danni subiti dalla scocca della SF70H: mancano ancora due giorni di test, domani Vettel sarebbe dovuto scendere in pista per concludere il suo programma di lavoro mentre l'ultimo giorno di test avrebbe visto nuovamente il finlandese al volante della Rossa. Adesso il piano potrebbe subire qualche mutamento: un peccato per la scuderia di Maranello che rischia di bruciare quanto di buono fatto vedere in questa prima fase.