in foto: Antonio Giovinazzi in tuta Rossa / Ferrari.com

Il sogno Formula 1 con la Sauber è sfumato, i sogni di Antonio Giovinazzi si sono infranti sul muro cinese che lo ha costretto al ritiro prima nelle qualifiche e poi in gara: un doppio incidente che ha parzialmente oscurato l'ottima prestazione dell'italiano in Australia, dove era riuscito ad arrivare a ridosso della zona punti.

Adesso, però, per il pugliese ci sarà una nuova opportunità: sarà lui, infatti, a portare in pista la Ferrari SF70H nella giornata di test riservata agli junior team in Bahrain, sulla pista di Al Sakhir. Il terzo pilota della Rossa si calerà all'interno dell'abitacolo per continuare il suo percorso di avvicinamento alla Formula 1 e che potrebbe portarlo, nella prossima stagione, a diventare pilota ufficiale. L'ipotesi Cavallino appare difficile, ma intanto potrebbe essere girato a un team minore per farsi le ossa e tornare, con qualche GP in più sulle spalle, al volante della Rossa. La Ferrari ha dimostrato di credere fortemente in lui e proprio per farlo crescere ulteriormente sarebbero già stati avviati contatti con la Haas.

La Haas nel futuro del pilota italiano.

I due team, infatti, starebbero definendo una serie di appuntamenti in cui far girare Antonio Giovinazzi: si tratta di varie sessioni di prove libere in cui il giovane pilota italiano potrebbe prendere ancor più confidenza con la categoria. Sarebbero esclusi dall'accordo, come riportato da Motorsport.com, i circuiti cittadini come Baku o Montecarlo; il terzo pilota della Rossa verrebbe impiegato solo su tracciati permanenti in modo da evitare rischi inutili. L'accordo con il team a stelle e strisce non precluderà all'italiano la possibilità di salire ancora sulla Ferrari nelle giornate dedicate ai test. L'esperienza con la Sauber è finita, il ritorno di Pascal Wehrlein ha chiuso le porte a Giovinazzi, ma il percorso dell'italiano in Formula 1 è appena iniziato.