Inizia nel peggiore dei modi il weekend a Shanghai: la sessione inaugurale di prove libere, infatti, è stata interrotta per ben due volte prima di essere definitivamente sospesa a causa del maltempo. I piloti non sono riusciti a girare con regolarità, l'aeroporto è stato chiuso per mancanza di visibilità e, a causa della nebbia, che non avrebbe permesso all'elicottero di alzarsi in volo in caso di emergenza, la direzione gara ha deciso di sospendere le prove.

Ferrari e Hamilton senza tempo, Verstappen il più veloce.

Il più veloce in pista, nei 20 minuti in è stato possibile girare, si è rivelato Max Verstappen, ma il suo 1'50″491 la dice lunga sulle condizioni della pista e su quanto l'olandese non abbia spinto. Il pilota della Red Bull ha lasciato a un secondo e mezzo la FW40 di Felipe Massa, seguito dal compagno di squadra Lance Stroll e dalla Toro Rosso di Carlos Sainz. Sono rimasti ai box, invece, gli altri big con Sebastian Vettel, Kimi Raikkonen e Lewis Hamilton che addirittura non hanno messo a referto nessun rilevamento cronometrico mentre Valtteri Bottas è sceso sul tracciato per pochissimi giri con la gomme full wet.

in foto: La Red Bull impegnata sul circuito di Shanghai – Getty Images

Tanti i testacoda andati in scena nei pochi minuti in cui le monoposto sono scese in pista: il tracciato bagnato non ha certo aiutato i piloti che si sono resi protagonisti di diversi errori. In difficoltà è sembrato Kevin Magnussen con la Haas che ha tentato la sorte montando le intermedie mentre Nico Hulkenberg è stato costretto a parcheggiare la sua Renault nella ghiaia dopo un testacoda dovuto alle gomme ancora fredde. Una sessione, la prima, decisamente infruttuosa; le squadre di vertice hanno preferito non rischiare di danneggiare la propria vettura rimanendo ai box mentre quelle che sono scese in pista non sono riuscite ad ottenere indicazioni utili in vista della gara di domenica. Tutto è rimandato alla seconda sessione, sempre che il maltempo conceda una pausa.