Doveva essere un weekend favorevole alla Mercedes, ma la pista di Sochi sembra essere il terreno ideale per la Ferrari: nella prima sessione di prove libere era stato Kimi Raikkonen a mettersi tutte alle spalle, nella seconda, invece, è Sebastian Vettel a salire in cattedra facendo segnare il miglior tempo di giornata.

Cambiando l'ordine dei fattori il risultato non cambia, è sempre la Rossa a dominare. La scuderia di Maranello conferma di trovarsi in un periodo di forma invidiabile tanto da portare il tedesco in cima alla classifica dei tempi con un 1:34.120 che solo il compagno di squadra riesce ad avvicinare. Una doppietta, quella del Cavallino, che fa ben sperare in ottica gara con un Kimi Raikkonen finalmente incisivo e capace di piazzarsi in seconda posizione con due decimi di ritardo. Dietro c'è il vuoto: il più vicino degli inseguitori è Valtteri Bottas che paga più di mezzo secondo di ritardo mentre per Lewis Hamilton, quarto, sono addirittura sette i decimi da recuperare.

in foto: Sebastian Vettel – Getty Images

Staccatissime le Red Bull, Felipe Massa dietro i top team.

Inizia come meglio non poteva il fine settimana russo per la Ferrari che, anche sul passo gara, dimostra di essere partita con il piede giusto. Solo le Frecce d'argento riescono, a fatica, a tenere il ritmo dei due ferraristi, staccatissimi tutti gli altri: i due piloti Red Bull pagano quasi un secondo e mezzo con Max Verstappen, a prendersi la soddisfazione di chiudere davanti al compagno di squadra Daniel Ricciardo che è staccato di 1 secondo e 8 decimi da Sebastian Vettel. Conferma il buon momento anche Felipe Massa, settimo e subito dietro ai top team mentre risalgono la Renault di Nico Hulkenberg e la Haas di Kevin Magnussen. A chiudere la top ten, poi, c'è la Force India di Sergio Perez, ancora una volta virtualmente a punti.