Il gran premio di Turchia di Formula Uno, in programma questo fine settimana, segna una tappa importante nella storia della scuderia Ferrari. Il team di Maranello disputerà l’ottocentesimo gran premio nel campionato del mondo, l’unica squadra ad aver preso parte a tutte le edizioni finora disputate. 15 titoli piloti, 16 costruttori, 221 vittorie e 203 pole position, questi sono solo alcuni dei tanti record che la Ferrari detiene, in Turchia sarà una festa speciale, insieme a tutti i piloti che, anche per una sola gara, hanno guidato una Ferrari F1. Il presidente Montezemolo, storica figura di Maranello, dal ’73 al ’76 come Direttore Sportivo e dal ’91 come presidente, ha detto in proposito: “Ottocento Gran Premi in Formula Uno rappresentano una pietra miliare nella vita della Ferrari, che ci riempie di soddisfazione e orgoglio. Oggi vogliamo condividere con tutti i piloti che hanno guidato una nostra monoposto nel Campionato del Mondo e con i nostri tifosi la gioia per il raggiungimento di questo straordinario traguardo. E’ bello poter guardare alle nostre spalle e vedere quello che abbiamo fatto insieme, avendo la consapevolezza di essere parte di una storia che continua e che non ha eguali”.

Per l’occasione la F10 sarà modificata sia nella meccanica, nuove soluzioni a livello di sospensioni per sfruttare al meglio le gomme (morbide – dure), che nell’aerodinamica: un nuovo condotto ad F migliorato nella funzione e semplificato nell’utilizzo da parte del pilota (si ipotizza un attivazione con il gomito).

Felipe Massa ha all’attivo tre successi in cinque edizioni ad Istanbul e farà del suo meglio per vincere e far sentire la sua presenza in campionato: “Per me è una gara molto speciale, proveremo a vincere per commemorare questo record e far vedere cosa rappresenta la Ferrari nello sport. Le sensazioni sono buone. La squadra, in questi ultimi 15 giorni, ha lavorato tantissimo per avere una macchina molto competitiva. L'obiettivo minimo è di arrivare sul podio, ma il sogno è quello di centrare una storica vittoria per spegnere le 800 candeline con lo champagne. Dentro queste 800 gare mi sento molto piccolo  ma fare parte di questa storia è una grande felicità”.

Fernando Alonso fa parte da poco della grande famiglia di Maranello ma siamo sicuri che farà il massimo per aggiudicarsi la vittoria ed entrare nella gloria Ferrari, da Istanbul dove è appena arrivato: “Insieme alla squadra abbiamo lavorato duramente per preparare la prossima prova del mondiale, un appuntamento speciale per tutta la Ferrari. 800 gran premi sono un traguardo straordinario. Il mio capitolo in questa storia eccezionale è iniziato da pochi mesi ed è lungo appena sei paragrafi, ma ho avuto modo di capire quanto sia speciale far parte del mito Ferrari. Con la gara di Istanbul inizia il secondo terzo del campionato e i giochi sono ancora aperti. Anche se la Red Bull finora è stata la macchina più veloce, c’è un grosso equilibrio con almeno cinque o sei piloti in lotta per il titolo. Spero di avere una gara normale questa volta, nel senso che non debba trovarmi nelle retrovie dopo pochi giri. Abbiamo tutto il potenziale per essere competitivi e sarebbe fantastico poter celebrare il GP numero 800 con una vittoria”.

Roberto Ferrari