in foto: Il fake della decisione Fia

“Revocati i punti di Baku”. Sarebbe uno shock. Per Sebastian Vettel, la Ferrari e i tutti tifosi ferraristi. Quello che in queste ore gira in rete è il falso clamoroso della decisione presa dalla Fia. Il tedesco è stato sentito oggi a Parigi, dove è stato invitato a dare la propria versione sullo scontro con Hamilton a Baku. Dopo il primo impatto Vettel ha affiancato la Mercedes dando una ruotata al rivale, colpevole a detta del tedesco, di averlo rallentato di colpo, causando l’incidente.

"Vettel squalificato, revocati i punti di Baku"

Per la reazione il tedesco potrebbe essere squalificato. Lo scenario peggiore, esattamente quello ipotizzato nel documento fake ripreso da alcuni media in Francia e in Inghilterra. “La Corte, considerati gli eventi del Gp di Azerbaijan, esaminati i video e le evidenze della telemetria, ha considerato i seguenti argomenti e deciso quanto segue” si legge nelle prime righe del documento che “ai sensi del art. 27.4 del regolamento sportivo Fia F1” sanziona il ferrarista per essere entrato “deliberatamente in contatto” con Hamilton, revocando il risultato del Gp dell’Azebaijan. Uno scenario per cui il tedesco, attuale leader del mondiale, perderebbe i 12 punti del quarto posto di Baku, finendo per essere agganciato in vetta proprio da Hamilton. Bocce cucite, nel frattempo, a Place de la Concorde, da dove arriverà la decisione della Fia, presumibilmente entro giovedì, prima della conferenza stampa di apertura del Gp d’Austria. La sensazione è che l’incontro con Jean Todt sfoci in una reprimenda per Vettel, con l’impegno a non ripetere certi comportamenti in pista. Del resto, Seb arriva a Spielberg con solo 3 punti sulla patente sportiva e in caso di un nuovo episodio sarebbe costretto a saltare un GP.