in foto: Max Verstappen nel suo primo store ufficiale in Olanda / verstappen.nl

Non è certo il primo sportivo a buttarsi nel mondo dell’imprenditoria, ma la creazione di uno vero e proprio shop ufficiale è un primo grande passo per Max Verstappen, il 19enne olandese che ha scelto la natia Olanda per il suo “Max Verstappen Shop” primo negozio ufficiale dedicato alla vendita di t-shirt, cappellini, scarpe, bandiere, modellini in scala e tutto il merchandising del giovane e talentuoso figlio d’arte. Tra gli calciatori, come ad esempio Cristiano Ronaldo e Lo Messi, aprire uno store è ormai una prassi. Un’esperienza condivisa da campioni del calibro di Valentino Rossi che con la sua VR46 Racing Apparel è responsabile non solo del merchandising dei prodotti del campione di Tavullia ma anche di altri piloti MotoGP, così come da Fernando Alonso che recentemente ha lanciato un nuovo marchio di abbigliamento insieme al suo storico manager, Luis Garcia Abad. Ma diversamente dai big, Verstappen ha creato uno spazio dedicato non solo alla vendita dei prodotti targati Red Bull Racing e MV.

Esposti i caschi e anche il primo go-kart.

Lo store, inaugurato sabato 17 giugno, si trova a Swalmen, una località olandese nel comune di Roermond, in pieno territori fiammingo, non troppo lontano dal confine con la Germania e il Belgio, a circa 200 chilometri dalla capitale Amsterdam. Per i suoi impegni sportivi Verstappen non ha però potuto partecipare all’evento ma in settimana il 19enne ha avuto comunque modo di fare ua visita e dare le ultime dritte in vista dell’apertura. “È veramente fantastico – ha commentato Verstappen – La strutture è molto bella, vale la pena andarci”. L’esclusiva struttura ospita anche alcuni degli oggetti più significativi della sua carriera, come ad esempio alcuni dei caschi utilizzati in Formula 1 e in Formula 3. Tra questi anche il casco indossato in occasione del suo primo Gp, a Melbourne 2015, ma anche quello che nel 2016 in Spagna gli ha regalato la prima, e ad oggi, unica vittoria in F1, nonché l’attuale casco sfoggiato al volante della Red Bull. Altro pezzo unico è il suo primo go-kart, utilizzato quando aveva poco più di quattro anni. Inizialmente papà Jos avrebbe preferito che il figlio aspettasse l’età di sei anni per di scendere in pista ma la grande passione di Max per le corse lo aveva portato a cambiare idea. Tra gli altri memorabilia, anche diversi trofei, guanti e tute da corsa.