Ancora una volta il mondo dei motori premia l'eccellenza made in Italy: la Ferrari, infatti, si è aggiudicata il premio come motore dell'anno 2017 grazie al propulsore V8 3.9 biturbo che equipaggia la 488 GTB, l'auto che nell'ultima edizione della 24 Ore di Le Mans, la corsa di durata più famosa del mondo, ha regalato tutto il podio agli equipaggi privati della categoria LMGT Am. Un successo importante per il Cavallino che riesce a bissare quanto fatto nell'edizione 2016 portando a casa un altro riconoscimento del lavoro dalla casa di Maranello.

Un doppio premio per il Cavallino.

A premiare la Rossa è stata una giuria di giornalisti specializzati che ha votato quello della 488 GTB come il miglior motore dell'anno con 251 preferenze, 35 più di quelle assegnati alla Porsche per il suo 6 cilindri boxer 3000 turbo, giunto secondo con 216 voti e addirittura 100 in più del tre cilindri 1.5 ibrido della BMW i8, classificatosi terzo con 151 voti. Secondo Tony Robinson, fondatore dell’International Engine of the Year, il V8 della Ferrari assicura un’erogazione senza precedenti, precisione, guidabilità e un sound unico. "Un giorno questo propulsore sarà riconosciuto come un classico nel suo genere; anzi, penso che lo sia già" ha detto alla consegna del premio.

in foto: La Ferrari 488 GTB

Oltre a quello relativo all'"Engine of The Year", la Ferrari ha portato a casa anche il premio riservato al motore più prestazionale nella categoria relativa ai motori superiori ai 4.0 litri di cilindrata, andando a trovare il successo grazie al V12 6.3 che viene montato sulla F12 berlinetta e sulla versione speciale F12tdf. Un doppio successo che conferma il ruolo di eccellenza della casa italiana; sono sei anni che il Cavallino viene premiato per la qualità dei suoi motori, un vero e proprio record tra le case costruttrici ad alte prestazioni.