in foto: Sebastian Vettel

È cambiato il vento a Maranello, le delusioni della scorsa stagione sembrano essere solo un brutto ricordo: la Ferrari è pronta a scendere in pista per il debutto di Melbourne, gara che aprirà la stagione 2017, e visti i risultati dei test di Barcellona, dove sia Sebastian Vettel che Kimi Raikkonen hanno mostrato un ottimo feeling con la nuova SF70H, con concrete speranze di successo.

Obiettivo titolo mondiale.

Forse è ancora presto per dire che la Rossa è la favorita per la conquista del titolo mondiale, Mercedes e Red Bull non vanno sottovalutate, ma in casa Ferrari c'è un certo ottimismo: i tempi fatti registrare nei due appuntamenti pre stagione sono lì a dimostrare che la strada intrapresa è quella giusta. A confermarlo anche Sebastian Vettel, tornato ai livelli visti quando guidava la Red Bull

Credo nel titolo con la Rossa? Sì e se così non fosse non scenderei nemmeno in pista – ha dichiarato il tedesco in una intervista a Sport Bild -. Sinceramente non so dire con precisione come siamo messi, ma posso assicurare che l'atmosfera è buona e lo spirito di squadra è ottimo. Tutti lavorano nel verso giusto e per il bene del gruppo.

Quella che sta per iniziare dovrà essere la stagione del riscatto per la Ferrari: il 2016 si è concluso nel peggiore dei modi con la casella delle vittorie rimasta vuota e tanti rimpianti per un'annata che doveva essere quella giusta per interrompere lo strapotere Mercedes, ma che si è conclusa con il sorpasso della Red Bull che ha relegato la Rossa al ruolo di terza forza del campionato. Il 2017, però, sembra essere partito in maniera diversa.

Nel 2014 eravamo più lontani dalla vetta rispetto ad ora, ma è chiaro che in un mondo frenetico come quello della Formula 1 contino soprattutto i risultati – ha concluso il pilota del Cavallino -. Il quadro complessivo dei valori di forza lo avremo dopo tre-quattro gare, dato che i test di Barcellona ci hanno solo dato un’idea di base su quanto siamo competitivi. È impossibile prevedere come andrà in Australia, ma quella gara ci darà già un'indicazione sul lavoro che abbiamo svolto durante l'inverno.