in foto: Lewis Hamilton – Getty Images

E' stato il dominatore assoluto del venerdì in Austria, ma non sarà tra i piloti che potranno lottare per la pole position Lewis Hamilton, costretto a sostituire il cambio e penalizzato di 5 posizioni in griglia. Una doccia gelata per il pilota della Mercedes che già pregustava l'ennesima partenza del palo della stagione, quella che gli avrebbe permesso di arrivare a ridosso di sua maestà Schumacher nella speciale classifica e di assicurarsi un bel vantaggio in ottica gara su Sebastian Vettel, al quale deve recuperare 14 punti.

Una doccia gelata per il britannico.

Non sarà così: non avendo completato il ciclo delle sei gare previste dal regolamento, infatti, Hamilton riceverà la penalità da scontare sullo schieramento di partenza. Una nota del delegato tecnico Jo Bauer ha chiarito che la quadra ha comunicato alla FIA la sua richiesta, e non essendo conforme all'articolo 23.5 del Regolamento Sportivo, incorrerà nella sanzione. Una doccia gelata per il britannico, che aveva dimostrato di essere particolarmente a proprio agio sulle curve del circuito di Spielberg.

Adesso, per Hamilton, l'obiettivo è limitare i danni: facendo segnare il miglior tempo nelle qualifiche, infatti, potrebbe partire comunque dalla terza fila e approfittare della partenza per scalare ulteriori posizioni. Un'occasione da cogliere al volo, invece, per la Ferrari e per Sebastian Vettel, pronti a scappare nelle battute iniziali per controllare poi il resto della gara ed incrementare ulteriormente il divario in classifica. Dopo i guai con la protezione della testa a Baku, che ha costretto il pilota delle Frecce d'argento al rientro ai box perdendo così l'opportunità di chiudere in testa la gara, un altro inconveniente che rischia di pesare in maniera già decisiva sul campionato.