Hyundai anticipa il futuro, lo fa al Salone di Busan in Corea del Sud presentando la nuova Hyundai RM16 N, la concept del marchio che svela forme e architetture delle auto che verranno. Il marchio N rappresenta la variante l'anima sportiva di Hyundai, capace di sfornare auto ad alte prestazioni e varianti super delle versioni stradali.

La RM 16 N, basata sulla Veloster, continua l'opera dalla precedente RM15 strizzando l'occhio a soluzione stilistiche all'avanguardia. Tra le novità più rilevanti trova spazio il motore, posizionato centralmente: il due litri quattro cilindri turbo benzina 2.0 theta T-GDI con cambio manuale a sei marce riesce ora a sviluppare la potenza di 300 Cv e 383 Nm di coppia massima, ma è supportato da un turbocompressore, stavolta elettrico, che consente di migliorare il funzionamento soprattutto ai bassi regimi.

in foto: Hyundai RM 16 N, la sportiva coreana del futuro

Tanti particolari ad esaltare la sua natura sportiva.

Oltre al motore, però, la casa coreana ha sviluppato altre tecnologie come, ad esempio, il differenziale autobloccante elettronico E-LSD, capace di distribuire la potenza ottimale per ciascuna ruota in curva o il sistema di scarico a con valvole a controllo elettronico variabile. Tanti gli accorgimenti anche per quanto riguarda la parte estetica, tutti volti ad evidenziare l'anima sportiva della Hyundai RN 16 M come l'abbassamento del frontale, i fari sottili e le larghe prese d'aria, accorgimenti che presto potrebbero arrivare anche sulle auto di serie. Inoltre il baricentro della vettura è stato abbassato e ora dista solo 500mm da terra, la ripartizione dei pesi è stata mantenuta al 43% davanti e 57% dietro e il telaio, composto da pannelli d'alluminio è ora ricoperto dalla carrozzeria in fibra di carbonio, stesso materiale usato anche per l'alettone regolabile che consente di ottimizzare l'aerodinamica in base alle diverse condizioni di guida.