in foto: Formula 1 – Getty Images

Dopo l'interessamento della Apple, pronta a formula una proposta a Bernie Ecclestone per rilevare la quota di maggioranza della Formula 1, un altro colosso americano potrebbe mettere sul piatto un'offerta difficile da rifiutare. Si tratta della Liberty Media Corporation – leader statunitense nella comunicazione – che starebbe pensando di entrare nel grande circus con una proposta che si aggirerebbe intorno agli 8,5 miliardi di dollari.

Trattative avanzate.

Cifre pazzesche per rilevare l'intero pacchetto della Formula 1. Le trattative sarebbero già in fase avanzata, stando a quanto riferito da Sky News, e l'iter per il passaggio di consegne avverrebbe in due tranche e attraverso un pagamento sia in liquidi che in azioni: la prima, che potrebbe concretizzarsi in tempi relativamente brevi, vedrebbe l'entrata nei capitali con il ruolo di socio di minoranza. Più avanti, poi, si darebbe il via al secondo step dell'operazione, attraverso una scalata per giungere al ruolo di maggioranza relativa anche se in quest'ultimo caso, tutto è vincolato al via libera da parte delle autorità e della FIA.

Futuro in borsa.

Se l'operazione dovesse concretizzarsi, per la Formula 1 ci sarà un nuovo futuro: non solo in pista, ma anche dal punto di vista finanziario. Nei piani del colosso a stelle e strisce, infatti, ci sarebbe anche l'intenzione di entrare in borsa. L'ingresso, ovviamente, avverrebbe nei listini Nasdaq dove troverebbe altri giganti del mercato americano come Microsoft, Facebook, Google e Apple, proprio l'altra azienda interessata a rilevare le quote di Bernie Ecclestone.