in foto: Robert Kubica – Foto Twitter

Déjà-vu in Formula 1, il sogno di Robert Kubica sta per trasformarsi in realtà: il pilota polacco, vittima di un incidente durante il rally di Andora di sei anni fa in cui riportò fratture alla gamba, al braccio e alla mano destra, infatti, è pronto per tornare al volante di una vettura di Formula 1. Lo farà nei test in programma all'Hungaroring nei giorni successivi al Gran Premio che chiuderà la prima parte della stagione, al volante della Renault, proprio la squadra che lasciò dopo aver svolto una sessione di prova prima del tragico incidente.

Il polacco in pista con la vettura 2017.

Un cerchio che si chiude quello di Kubica: dopo i primi approcci con la monoposto 2012 della casa francese sui circuiti di Valencia prima e al Paul Ricard poi, ecco la grande occasione. Il polacco scenderà in pista nella giornata di mercoledì e sarà al volante della R.S.17, la stessa con cui in questa stagione Palmer e Hulkenberg stanno affrontando il mondiale. Una prova importante che apre scenari fino a poco tempo fa neanche immaginabili: Kubica, dopo la prima prova a scopo dimostrativo ha sorpreso tutti facendo registrare tempi soddisfacenti e lasciando a bocca aperta i vertici di Enstone che, adesso, sembrano prendere in considerazione l'idea di assegnargli una monoposto in vista della prossima stagione.

Un nuovo debutto per Kubica, terzo pilota di nazionalità polacca in Formula 1: l'esordio avvenne nel 2006 quando sostituì Jacques Villeneuve al volante della Sauber. Alla terza gara in carriera, a Monza, è terzo; 4 stagioni alla Bmw dove colleziona un successo, a Montreal nel 2008, una pole position in Bahrain e 9 podi. Poi, nel 2010 il passaggio in Renault, con cui conquista 3 podi, prima della rinascita. "Il test in Ungheria sarà fondamentale per stabilire se e quando Kubica potrà tornare protagonista in Formula 1 nei prossimi anni alla luce dei dati oggettivi raccolti in pista contro gli altri piloti e le altre vetture" ha confermato Cyril Abiteboul, team manager della casa francese. Il sogno dello sfortunato pilota è pronto a divenire realtà, sarà la pista a decretare se quella di Kubica è una favola che merita il lieto fine