in foto: Mick Schumacher con il premio – Foto Instagram

Campioni si nasce. Se poi si ha la fortuna di essere il figlio del pilota più vincente della storia di Formula 1 diventa una questione di DNA: è il caso di Mick Schumacher che, a soli 17 anni, sta già dimostrando di avere i numeri giusti per scrivere il proprio nome nella storia. Il primogenito di Michael, infatti, dopo la parziale delusione per il secondo posto sia nel campionato di Formula 4 italiano che in quello tedesco, si è aggiudicato un trofeo importate.

La rivista Auto Bild Motorsport ha deciso di insignirlo del titolo di miglior pilota juniores al Motor Show di Essen, premio consegnato durante la Night Race il "Goldenen Rennfahrerschuh", lo stivale da corsa d'oro. Un riconoscimento importante per il giovane che il prossimo anno farà il suo sbarco in Formula 3 sostituendo Lance Stroll, passato alla Williams. Insieme al figlio dell'ex ferrarista sono stati premiati anche Nico Rosberg – che però non ha potuto essere presente in quanto impegnato nella sfida mondiale con Lewis Hamilton – e Alex Zanardi, l'atleta capace di portare l'Italia sul tetto del mondo alle Paralimpiadi di Rio 2016.

Soddisfatto per il riconoscimento Mick Schumacher che sul palco è apparso visibilmente commosso: "E' il mio primo trofeo, ringrazio tutti per questo premio. Il mio obiettivo è sempre stato quello di arrivare in Formula 1. Il prossimo passo sarà probabilmente la Formula 3: ancora nulla è ufficiale, ma ho già svolto i primi test" sono state le sue parole che dimostrano quanto il giovane sia già concentrato sul futuro. La Formula 1, però, per ora può attendere: il figlio di Michael Schumacher non ha fretta di crescere.