in foto: Un minuto di silenzio per Angel Nieto / MotoGP.com

Domenica mattina, subito dopo il warm up della MotoGP, il Circus del Motomondiale ha reso omaggio ad Angel Nieto, il pilota spagnolo scomparso lo scorso 3 agosto in seguito a un incidente in quad sulle strade di Ibiza.  Nieto era ricoverato all’ospedale Nostra Signora del Rosario di Ibiza dove l’ex pilota non è sopravvissuto alle lesioni riportate nell’impatto. Le sue condizioni si erano aggravate a una settimana dall’incidente e a nulla è valso il disperato intervento di urgenza operato dai medici che hanno tentato di salvarlo. Cremato a Ibiza all’indomani della morte, i funerali si terranno a settembre a Madrid.

“Gracias Maestro” si legge nel grande cartello mostrato sul rettilineo di partenza a Brno, dove piloti, uomini dei team e addetti ai lavori hanno rispettato 1 minuto di silenzio in sua memoria. Una preghiera che Dorna Sports ha voluto dedicare alla leggenda del mondiale, 12 + 1 volte iridato tra le classi 50 e 125, secondo pilota più titolato della storia dopo Giacomo Agostini. Istanti interminabili, conclusi con un fragoroso applauso per il re delle piccole cilindrate, ricordato da tutti non solo per la sua carriera ma per il suo carisma. Tra i big in prima fila, anche Valentino Rossi con cui aveva un profondo rapporto di amicizia. “Uno dei piloti più importanti della storia del nostro sport” ha scritto il Dottore sui social. “Aveva 70 anni ma il cuore di un ragazzino” ha aggiunto, pubblicando la foto di quel mitico giro celebrativo a Le Mans 2008, insieme sulla Yamaha con il numero 46, quando il pesarese raggiunse le 90 vittorie carriera di Nieto.