in foto: Andrea Dovizioso e Marc Marquez durante la conferenza stampa a Misano / GettyImages

Quello considerato da sempre il Gp di casa di Valentino Rossi quest’anno non vedrà il suo campione scendere in pista. Un’assenza che ovviamente alla vigilia del fine settimana del Gp di San Marino si è fatta sentire già nella consueta conferenza stampa di apertura durante la quale i suoi rivali al titolo iridato gli hanno augurato buona guarigione. Senza però perdere di vista le conseguenze in classifica piloti: dopo quella di Misano, Rossi potrebbe perdere anche la gara di Aragon (“Ci proveremo ma è diffiicile” ha detto Valentino) mettendo a bilancio due zeri consecutivi che lo escluderebbero definitivamente dalla corsa al titolo iridato.

Dovizioso: “Rossi? Un avversario in meno”.

A pensarla così Andrea Dovizioso che reduce dalla vittoria a Silverstone sbarca a Misano da leader del mondiale: “Essere al Gp di casa a Misano, come leader del campionato è qualcosa di surreale. Oggi quando sono arrivato in macchina da casa mia fino a qui la sensazione era davvero molto bella, un’emozione nuova. Sono contento di essere in questa condizione ma il campionato è totalmente aperto. Il nostro obiettivo è salire sul podio non l’abbiamo mai fatto e sappiamo che sulla carta non è una buona pista per la nostra moto ma già quest’anno in alcune pista in cui dove non eravamo mai stati forti siamo andati bene. il meteo sarà strano, per cui tutto può accadere. Ad esempio a Silverstone non eravamo i più veloci prima della gar ma abbiamo lavorato nel modo giusto e in gara abbiamo fatto tutto in modo perfetto” ha detto il forlivese della Ducati prima di parlare dell’assenza del 46 della Yamaha.

Purtroppo Valentino non è qui, e questo non è bello, ma c’è un avversario in meno per il campionato. Ma tutti sono molto forti e sarà una bella battaglia fino alla fine della stagione.

Rossi escluso dal campionato? Credo che per lui sarà difficile lottare per il campionato se perderà due gare. Chiaramente dipenderà da quanti punti riusciremo a fare noi, però già e molto difficile così perché ogni gara è facile avere degli altri e bassi, per cui credo che recuperare parecchi punti sarà difficile per lui.

Marquez: “Se perde due gare addio mondiale”.

Silverstone non si è chiuso nel modo migliore per noi ma ora siamo a Misano e cercheremo di mantenere la stessa mentalità e lo stesso livello perché siamo sulla strada giusta” premette Marc Marquez, secondo nel mondiale a 9 punti da Dovizioso. “Abbiamo fatto un test tre settimane fa qui nel quale mi sono sentito molto bene, ho guidato bene, cercando di capire le condizioni in vista di questo weekend e cercherò di farlo quando andremo in pista cercando di capire l’aderenza e migliorare sessione dopo sessione. Misano è sempre stato un buon circuito per me in passato, ho ottimi ricordi e cercheremo di concludere la gara di domenica nel modo migliore per aggiungere un altro buon ricordo. A quanto pare ci sarà un meteo instabile, in ogni caso cercheremo di adattarci”.

Rossi fuori dal mondiale? Se dovesse perdere solo questa gara credo che abbia ancora delle possibilità, se invece dovesse perderne due, perderebbe troppi punti. Per lui il problema è che non deve recuperare soltanto su un pilota perché in lotta siamo tre o quattro piloti incluso Dani e questo rende molto difficile la rimonta di uno svantaggio così grande, ma la cosa più importante per lui adesso è recuperare nel modo migliore ed essere forte in futuro”.

Vinales: “Un peccato non sia qui”.

A Silverstone è andata molto bene e mi sono sentito in grande forma soprattutto negli ultimi giri della gara. Ho spinto al 100% e la moto rispondeva bene. Abbiamo recuperato parecchio feeling a Silverstone e il test qui a Misano è stato positivo, anche qui abbiamo recuperato feeling e migliorati nell’elettronica. Quindi pensiamo di poter fare un buon weekend, cercheremo di salire sul podio o addirittura di ottenere un risultato migliore. sarà importante ridurre il distacco in campionato e partire con il piede giusto già da venerdì” ha ammesso Vinales, terzo in classifica piloti a 13 punti da Dovi e 4 dal Marquez che con Rossi infortunato sarà il solo pilota in pista a difendere i colori della Yamaha ufficiale.

Sicuramente è un peccato che Valentino non sia qui sia perché è la sua pista di casa e poi perché qui è sempre stato molto veloce, quindi sarebbe stato interessante anche per noi cercare di paragonare le moto, anche per migliorare, ma ad ogni modo la Yamaha darà il 100%. Rossi escluso? Ci sono quattro piloti molto vicini quindi se perderà soltanto una gara sarebbe comunque molto difficile perché si perdono tanti punti. La cosa importante è che torni in pista forte e che cerchi di recuperare il più velocemente possibile.

Cross pericoloso.

Tra i temi della conferenza anche quello legato agli allenamenti e alla polemica sollevata da chi ritiene che il cross sia uno sport pericoloso. Parere condiviso in parte dai piloti, a partire dal Dovi: “Dobbiamo allenarci con sport diversi e moto diverse perché non possiamo testare molto con le MotoGP e di conseguenza si possono correre parecchi rischi. Ma io sono un pilota che crede in questo allenamento e a mio avviso dobbiamo guidare anche moto da cross per allenarci alla moto. Certo è pericoloso, non dobbiamo correre troppi rischi, ma se vuoi migliorare la situazione un po' bisogna spingere e quindi queste cose possono accadere”. Anche Marquez è d’accordo: “Odio quando leggo che non dobbiamo guidare le moto da cross perché sono pericolose, ma fa parte del nostro lavoro. Chiaramente ci piacerebbe andare in spiaggia a rilassarci, ma la tecnica si migliora guidando in moto. Gli infortuni accadono e possono succedere in ogni momento, anche cucinando, come è successo a Crutchlow”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Vinales: “Credo che si impossibile mantenersi in forma stando sul divano, non ti alleni in modo e non corri rischi, ad esempio andando in bici o facendo altri sport. Se vuoi essere in forma devi correrli e prestare attenzione, ma ci sono sempre, è qualcosa che dobbiamo accettare per essere in forma e lottare”.