I programmi per la gara di apertura del mondiale, questo fine settimana, sotto i riflettori del circuito di Losail, in Qatar, non sono ancora stati confermati. La pioggia potrebbe riservare delle sorprese, come avvenuto anche durante gli ultimi test della Moto2 e Moto3, e per quanto le probabilità di temporali nel deserto siano basse, i membri della commissione sicurezza della MotoGp, Loris Capirossi e Franco Uncini hanno provato sulla pista bagnata artificialmente, giungendo alla conclusione che le condizioni non creano riflessi di luce sull’asfalto.

Gp del Qatar, in caso di pioggia decideranno i piloti.

A informare della possibilità di far disputare il Gp del Qatar in notturna anche in caso di pioggia, cosa vietata dal regolamento fino allo scorso anno, era stata l’Irta ma secondo quanto riportato dal direttore di Gara, Mike Webb, la decisione non è ancora confermata.

Non è una decisione definitiva che la gara si correrà anche sotto la pioggia, ma abbiamo detto ai piloti e ai team di essere pronti a provare sul bagnato in modo che ci possano dire la loro, se è pronti a correre o se ci bisogno di fare qualcosa di diverso – ha precisato Mike Webb a MCN.

Dopo i test, Franco e Loris hanno pensato che era possibile correre, lo hanno riferito ad un certo numero di piloti e spiegato che come si sono sentiti in pista. Tutti i piloti hanno detto ‘Ok, proviamo e vedremo noi stessi come ci si sente”.

Faremo un test appena avremo la possiblità  – aggiunge Webb – ma non vogliamo correre la gara in condizioni di bagnato. a meno che ogni pilota non abbia provato ogni pilota non abbia provato e dato il suo ok.