Il sogno di Jorge Lorenzo a Misano è durato sei giri. Il copione è lo stesso degli ultimi tempi: partenza furiosa e grande vantaggio sugli inseguitori. Però questa volta è arrivato l’errore che non si aspettava. “La moto cominciava a bloccare un po’ dietro e avevo deciso di cambiare mappatura per modificare il freno a motore, ne volevo meno. Questo sicuramente mi ha fatto perdere la concentrazione” racconta in sala stampa, analizzando quanto accaduto nel corso del settimo giro. L’impressione è stata quella che il ritmo del maiorchino fosse troppo sostenuto per la tanta acqua in pista, considerato anche il margine guadagnato sugli inseguitori in poche tornate. Eppure Lorenzo dice il contrario. “Non stavo spingendo molto e gestivo i rischi in maniera tranquilla, non certo aggressiva, senza piegare molto in curva”. Sta di fatto che sotto la pioggia è vietato distrarsi.

in foto: La caduta di Lorenzo nel corso del 7° giro / GettyImages

Lorenzo: "Posso permettermi questi errori.

Questo è stato il mio errore” aggiunge, dopo aver rivisto un highside che ha ricordato quello del 2013 ad Assen. Fortunatamente, però, per Lorenzo non c’è stata nessuna conseguenza fisica così come particolari ripercussioni in classifica piloti, considerato che in questo suo primo anno in sella alla Ducati, il maiorchino è lontano dalla lotta per il mondiale. Se non fosse che un suo piazzamento avrebbe comunque fatto comodo alla squadra che nel campionato team porta a casa i soli 16 punti del terzo posto di Andrea Dovizioso. Un aspetto che però sembra sfuggire a Lorenzo, dopo anche dichiarazioni e smentite degli ultimi giorni su un suo eventuale aiuto in campionato al compagno di squadra (“Se arriviamo a Sepang e Valencia con Andrea in lotta per il mondiale, farò il possibile per aiutarlo”). Per adesso Jorge guarda alla propria tabella di marcia.

La cosa positiva è che non mi sto giocando il mondiale. Se fossi in lotta e fossi caduto sarebbe stato molto peggio. Questo è un anno in cui posso permettermi di fare errori in modo tale da non farli più l’anno prossimo – sono state le parole del maiorchino come riportate da Motorsport.com.

Parole dette con il dispiacere per come sia andata a finire, ma che rivelano di un Lorenzo ancora lontano dallo spirito di squadra.