Per il Gp d'Argentina, Michelin ha deciso di inserire un ulteriore opzione per lo pneumatico anteriore su indicazione di diversi piloti dopo il Gp di apertura in Qatar. Sull’onda dei test pre-campionato, il fornitore francese aveva preso una decisione definitiva per quanto riguarda la carcassa della gomma anteriore, provata a novembre a Valencia per assicurare che lo sviluppo 2017 andasse nella giusta direzione.

in foto: Valentino Rossi al box Yamaha / GettyImages

"La nuova gomma non solo per le critiche di Rossi"

Per il fine settimana in Argentina, i piloti avranno a disposizione tre gomme diverse per l’anteriore: una morbida, una media e una dura. Tuttavia, Michelin ha deciso di introdurre altre due varianti – la prima, quella portata in Qatar – la gomma 2017, la più morbida delle due – e l’altra come quella utilizzata nella gara di Valencia 2016 – più duro. Entrambe le gomme morbide avranno le stesse marcature.

In Qatar c'è stata qualche critica sul comportamento delle gomme – ha chiarito il responsabile di Michelin in MotoGP, Nicolas Goubert, a Paddock.com – non solo Valentino ma anche altri cinque o sei piloti, tutti d'accordo che la gomma anteriore si muoveva di più. Non conosciamo se a causa delle condizioni del Qatar oppure no. E per avere un'idea più chiara, ne abbiamo portato alcune".

Anteriore troppo morbida, la frecciata di Valentino.

Valentino Rossi è stato il pilota che si è più esposto nel parlare delle difficoltà di adattamento alla gomma anteriore 2017, dicendo che era “troppo morbida per i suoi gusti”. Goubert ha confermato che anche il pilota della Suzuki, Andrea Iannone, e il trio Honda formato da Marc Marquez, Dani Pedrosa e Cal Crutchlow insieme a Rossi hanno chiesto che la carcassa più dura venisse portata in Argentina, per chiarire se la decisione del 2017 era corretta. “Ero più soddisfatto della gomma dell’anno scorso” ha detto Crutchlow giovedì, a margine della conferenza stampa, in riferimento al suo feeling con l’anteriore Michelin. Più schietto il pesarese: “Quando parlavo dei problemi, dicevano che li avevo solo io!”. In caso durante il fine settimana al Termase de Rio Hondo non ci saranno le condizioni per utilizzarle, le due specifiche anteriori saranno disponibili anche nella prossima gara, tra due settimane ad Austin. La decisione definitiva verrà quindi comunicata, dice Taramasso, prima dei test Irta all’inizio di maggio a Jerez.