Sono ore d'angoscia per i familiari di Nicky Hayden e per tutti gli appassionati delle due ruote. Il tragico incidente che ha coinvolto l'ex campione del mondo della MotoGP nel 2006, ha generato un senso d'impotenza e di paura in tutte le persone che hanno frequentato il pilota americano in questi anni e ha finito per diventare il principale motivo di discussione nel paddock di Le Mans: sede del quinto appuntamento del Mondiale di MotoGp. Tra coloro che sono rimasti colpiti dalla notizia, anche Danilo Petrucci che con Hayden ha un rapporto d'amicizia particolarmente stretto: "Nicky è una persona meravigliosa, l’unico che mi ha fatto sempre sentire un pilota vero – ha spiegato il pilota di Terni, in un'intervista concessa a Sky – È stato il primo a complimentarsi con me quando si è saputo che venivo in Pramac. Nel paddock è amato da tutti e non ho mai sentito una persona dire "Hayden mi sta sul c…o" o altre cose negative sul suo conto".

La carezza dei colleghi della MotoGp.

Dall'ospedale "Bufalini" di Cesena, dove il pilota è ricoverato in prognosi riservata nel reparto di rianimazione, continuano intanto ad arrivare notizie poco rassicuranti. Le condizioni cliniche di Nicky Hayden restano infatti estremamente gravi, a causa del grave politrauma con conseguente gravissimo danno cerebrale. A fianco dello sfortunato pilota della Honda, ci sono la madre Rose, il fratello Tommy e anche la fidanzata Jackie: accorsa nelle ultime ore a Cesena per stare accanto a "Kentucky Kid". Proprio dal circuito francese, dove sono in corso le prove della MotoGp, Valentino Rossi, Marc Marquez e Jorge Lorenzo hanno issato uno striscione dedicato ad Hayden: "Ti pensiamo Nicky 69". Lo stesso "Dottore", attraverso il suo profilo Facebook, gli ha dedicato una lettera toccante: "E' uno dei migliori amici che ho avuto nel paddock. Forza Nicky, siamo tutti con te".