in foto: Tony Cairoli in azione ai recenti Internazionali d'Italia – foto Carrubba

Il Mondiale Motocross è alle porte e, come sempre, uno dei protagonisti più attesi è il nostro Antonio Cairoli. Otto titoli iridati ed una tempra che sembra non svanire con il passare degli anni. Anzi: dopo due anni difficili in cui Cairoli si è trovato suo malgrado costretto a cedere il suo scettro prima a Romain Febvre, poi a Tim Gajser, ora pare che il pilota KTM abbia ritrovato una forma fisica e mentale tale da destare più di un grattacapo ai propri avversari. Quanto visto ai recenti Internazionali d’Italia Motocross 2017, antipasto e vetrina del Mondiale, lascia poco spazio a dubbi: Cairoli ha dominato ed è pronto a ripetersi nella corsa al titolo 2017.

Cairoli in forma strepitosa.

Le prestazioni offerte da Antonio Cairoli agli Internazionali parlano chiaro: titolo nella MX1 e nella ELITE, cinque vittorie ed un secondo posto su sei gare disputate. Gli altri per il momento si sono fermati a guardare un Cairoli risalito in cattedra, capace di ritrovare concentrazione, determinazione e forza fisica. Superato anche l’esame della nuova formula di partenza su piastra metallica, sperimentata proprio agli Internazionli, dopo che il pilota KTM aveva fatto scuola nella meticolosa preparazione del canale di partenza.

Attenzione a Tim Gajser e Van Horebeek. Incognita Herlings.

Il più determinato a mettere il bastone tra le ruote a Cairoli è Jeremy Van Horebeek, apparso particolarmente in forma nei tre appuntamenti di Riola Sardo, Malagrotta ed Ottobiano. Il belga spinge forte e non si lascia intimorire, mentre Gajser deve ancora trovare lo spunto necessario per confermare il suo ruolo di Campione del Mondo in carica. Altra incognita è rappresentata da Jeffrey Herlings, tre volte Campione del Mondo MX2. Gli Internazionali hanno segnato in modo negativo l’olandese, con due infortuni. Prima lo stiramento di un tendine e poi la frattura di un metacarpo nella caduta ad Ottobiano. Sottoposto ad intervento chirurgico, Herlings, secondo quanto rilasciato dal team KTM dovrebbe essere regolarmente al via in Qatar, ma rimangono ancora incerte le sue condizioni di recupero.

19 round per la conquista del titolo.

Sono 19 gli appuntamenti in calendario per la stagione 2017. Un Mondiale lungo, che partirà questo sabato sotto i riflettori del Qatar per concludersi il 17 settembre sulla terra di Villars sous Ecot, Francia. Il gettone bonus per lo spettacolo sarà il consueto Motocross delle Nazioni, per questa stagione in programma nel catino naturale di Matterly Basin, nel sud della Gran Bretagna il primo ottobre. Due le date in territorio italiano, dopo che è sfumato l’accordo per ospitare il Mondiale anche sul crossodromo Baldessarona di San Marino. Sarà una Pasqua di passione per Cairoli & C. impegnati proprio nella domenica festiva per il GP del Trentino il 16 di aprile. Si replicherà poi il 25 giugno al Maggiora Park per il GP d’Italia.

Come seguire le gare del Qatar.

Anche per questa stagione le gare saranno disponibili su Mediaset Premium e su Eurosport, sulla piattaforma Sky. Per seguire la prima prova del Mondiale occorre ricordare che per la trasferta in Qatar vige il cambio di programma, che prevede le gare nella serata di Losail di sabato. Qualifiche con partenza alla 18:50 di venerdì (ora italiana), Gara 1 al via sabato alle ore 16:15, mentre Gara 2 vedrà abbassarsi i cancelletti alle ore 19:10 (ora italiana).