Sono ore di angoscia e speranza scandite dalle ultime notizie che arrivano sulle condizioni di Nicky Hayden, il pilota della SBK travolto da un'auto mentre era in bicicletta assieme ad altri ciclisti. Secondo quanto trapelato, il 35enne americano avrebbe un edema cerebrale diffuso: una situazione difficile e preoccupante, tale da spingere i medici del Reparto di Rianimazione a valutare con le necessarie cautele la necessità di un intervento. In cosa consisterebbe? Creare una fessura nella scatola cranica per ridurre l'edema ma è ancora troppo debole per essere sottoposto a un'operazione.

Il danno cerebrale è il più grave (conseguenza del violento impatto con la vettura) ma l'ex campione della MotoGp ha riportato lesioni in altre parti del corpo: gli esami svolti hanno rivelato fratture multiple dorsali e a una gamba. La prognosi resta riservata nell'attesa di ulteriore evoluzione delle condizioni del centauro, un altro bollettino medico verrà diramato domani mattina, verso le 8.

Cosa è successo ad Hayden. Il pilota della Honda in World Superbike era reduce dal Gran Premio d'Italia (gara terminata senza particolari soddisfazioni): è stato sbalzato dalla propria bicicletta nel primo pomeriggio da una Peugeot 206 CC all'incrocio tra via Ca' Raffaelli e via Tavoleto nel comune di Misano Adriatico. Si stava allenando, proprio come accaduto a Michele Scarponi non più tardi di un mese fa, quando per ragioni ancora tutte da chiarire è stato investito dal veicolo. Terribili le immagini dell'incidente: la vettura aveva il parabrezza sfondato e ammaccature sulla parte anteriore della carrozzeria mentre la bici di Hayden è stata ritrovata accartocciata nel canale lungo la carreggiata.