in foto: Alexey Lukyanuk

Ancora una volta una tragedia sconvolge il mondo dei rally: il pilota Alexey Lukyanuk, vincitore del Rally Islas Canarias, è rimasto coinvolto in un incidente durante un test in vista del Rally Pushkinskye Gory, gara su terra che si svolge nel fine settimana nella regione di Psko, in Russia. Nell'impatto ha perso la vita il navigatore dell'altro veicolo coinvolto, Alexey Lyadukhin.

Ancora da chiarire le circostanze dell'incidente, ma stando alle prime ricostruzioni il pilota moscovita, che si trovava al volante di una Mitsubishi Lancer, stava terminando a tutta velocità il suo percorso, quando si è scontrato con un'altra auto analoga. Il bilancio dello scontro è tremendo: una vittima e tre feriti. Nell'impatto le vetture hanno preso fuoco: Lyadukhin sarebbe morto sul colpo, mentre Kucherov e Gergel, gli altri due coinvolti, hanno riportato ustioni, ferite gravi e fratture, ma non sarebbero in pericolo di vita.

Fratture e ustioni per Lukyanuk e Gergel.

Lukyanuk, che per l'occasione guidava insieme a Gergel, che sostituiva il co-pilota abituale Alexey Arnautov, dopo essere stabilizzato sul luogo dell'incidente dai medici accorsi, è stato trasportato in elicottero e ricoverato  in un ospedale specializzato a San Pietroburgo con fratture al calcagno sinistro, rotula destra, bacino, vertebra sacrale ed un pneumotorace: i traumi sono gravi, ma il pilota non sembra essere in pericolo di vita nonostante i medici non abbiano ancora sciolto la prognosi e dovrà sottoporsi a un lungo periodo di degenza e riabilitazione. Più complicata, invece, la situazione relativa a Gergel che presenta una frattura scomposta delle gambe ed ustioni al 17% per cento del corpo: è stato subito operato ed è attualmente ricoverato in terapia intensiva.