in foto: Lewis Hamilton in sella alla sua MV Agusta – Getty Images

Valentino Rossi e Lewis Hamilton, due leggende dei motori che presto potrebbero trovarsi fianco a fianco. Il campione britannico non ha mai nascosto il suo amore per le due ruote tanto da dichiarare, poco tempo fa, di aver pensato di provare l'esperienza in MotoGP, ma di aver rinunciato a causa dell'età. "Adoro la MotoGP, tutti sanno che mi piacerebbe correrci, ma credo di essere troppo vecchio ormai, bisogna essere realisti. Rispetto molto la categoria e sarebbe ingiusto nei confronti dei ragazzi che hanno costruito la loro carriera in quello sport. Credo proprio che dovevo pensarci prima, da piccolo, quando ho scelto le auto al posto delle moto" erano state le sue parole.

L'invito al tre volte campione di Formula 1.

Niente approdo nella classe regina delle due ruote, quindi, per il tre volte campione di Formula 1, ma a breve l'inglese potrebbe trovarsi a duellare con il pilota italiano: il Dottore, infatti, ha svelato che, nello scorso dicembre, era stato fissato un appuntamento presso il Ranch del numero 46, saltato poi per impegni professionali del pilota della Mercedes. Un incontro che, però, sembra essere solo rimandato.

Hamilton doveva venire lo scorso dicembre per allenarsi al Ranch, ma all'ultimo momento si sono complicate le cose. Comunque, spero che verrà entro la fine dell'anno. Le porte del Ranch sono sempre aperte per lui – ha confermato l'italiano alla vigilia del GP di Catalunya – Lewis ha un'ottima relazione con la velocità e penso che in moto vada veloce.

Il desiderio di Hamilton di scendere in pista, anche solo per un allenamento insieme a una leggenda della MotoGP, potrebbe presto diventare realtà. I due potrebbero incontrarsi nel prossimo mese di dicembre, a un anno di distanza dal primo appuntamento poi saltato. Hamilton, che a Monaco si era presentato in pista con la sua MV Agusta personalizzata, non hai mai fatto mistero di guardare con interesse al mondo delle due ruote: un'occasione, quella concessa dal pilota italiano, per testare la sua dimestichezza anche con le due ruote.