Suzuki porta al Salone di Ginevra 2017 la nuova Swift. La compatta nipponica si dimostra ancora una volta un modello mirato ad un pubblico giovane e punta tutto su uno stile particolarmente efficace. Il design è influenzato dai gusti europei ma non tradisce gli stilmeni del brand. La dotazione comprende numerosi accessori hi-tech e la sicurezza migliora grazie al nuovo telaio più rigido e robusto rispetto al modello uscente. La nuova Suzuki Swift sarà disponibile a partire da aprile 2017.

Compatta ma piena di grinta.

Il corpo vettura della Suzuki Swift misura 3.840 mm e 1.735 mm in larghezza, l'altezza varia tra 1.495 e 1.520 tra le varianti 2WD w 4WD. Le proporzioni della carrozzeria favoriscono linee muscolose al retrotreno, che si abbinano ad un frontale più grintoso. La compatta appare ben piantata a terra, grazie ad una maggiore larghezza. La sezione anteriore presenta una nuova calandra più ampia e coperta da una griglia nera. Il baricentro è stato ribassato per garantire la massima stabilità.

I montanti tinti in nero creano un effetto "tetto sospeso" e le maniglie delle portiere posteriori sono state abilmente nascoste nei montanti C. Le ruote in acciaio da 15 pollici possono essere sostituite dai cerchi in lega da 16 pollici. Nel complesso, la Suzuki Swift riesce a migliorarsi dotando un nuovo kit di illuminazione a LED, che comprende i proiettori anteriori, le luci di posizione e la fanaleria posteriore. La vettura può essere tinta in 7 colorazioni differenti, tra cui Burning Red Pearl Metallic e Speedy Blue Metallic o si può optare per una delle quattro combinazioni BiColor.

Interni e dotazioni.

in foto: Suzuki Swift.

I nuovi sedili della Suzuki Swift ribassano la posizione di guida ma garantiscono un maggiore comfort grazie al nuovo design. Lo spazio interno cresce e i passeggeri posteriori beneficiano della maggiore abitabilità. Rispetto al modello uscente, il bagagliaio ha una volumetria maggiorata di 54 litri, toccando quota 265 litri: l'area di carico è più lunga di 75 mm e presenta un nuovo design. La strumentazione è costituita da due quadranti rossi separati dallo schermo LCD Mydrive, che visualizza differenti informazioni, tra cui il livello di carburante e la temperatura del liquido di raffreddamento. Il sistema di infotainment è gestito da uno schermo touch 7 pollici e presenta connettività Bluetooth e USB in abbinamento alle funzionalità Android Auto e MirrorLink.

Motori e tecnologia ibrida SHVS.

Interni Suzuki Swiftin foto: Gli interni della Suzuki Swift.

La gamma motori della Suzuki Swift si basa su due unità benzina di cilindrata ridotta. Si parte dal tre cilindri 1.0 BoosterJet turbo benzina da 112 CV e 170 Nm, già collaudato dalla Baleno S. L'unità è stata ottimizzata riducendo i livelli NVH (noise, vibration and harshness) e risulta particolarmente parco nei consumi. Il listino propone anche il 1.2 DualJet da da 90 CV dotato di una nuova valvola EGR. Entrambi i motori possono essere abbinati manuale a 5 rapporti, alla trasmissione a variazione continua CVT o all'automatico a 6 marce. La Suzuki Swift può equipaggiare l'innovativo sistema ibrido SHVS. L'Integrated Starter Generator abbina in un unico elemento motore elettrico, alternatore e motorino elettrico e fornisce supporto al motore benzina utilizzando l'energia accumulata durante le fasi di frenata.