Suzuki riparte dal segmento B portando in Europa la nuova Baleno. La Baleno si presenta radicalmente cambiata rispetto al modello originario venduto nel Vecchio Continente negli anni '90. La vettura porta solo il nome della sua antecedente e si mostra come una berlina compatta 2 volumi pronta a rivaleggiare con i colossi europei basandosi su un progetto completamente nuovo. La gamma accoglie due nuovi propulsori dalla cilindrata ridotta e decisamente efficienti. La nuova generazione è stata presentata ufficialmente al Salone di Francoforte (17-27 settembre 2015).

Look ben definito
Interni e tecnologia
Motori e meccanica

Look ben definito.

Lo filosofia stilistica Liquid Flow tra la sua massima espressione nelle sagome bombate della Suzuki Baleno. Le linee arrotondate sono ispirate ad una massa d'acqua in movimento e le carreggiate larghe appaiono come le spalle di un nuotatore che emergono dall'acqua. La calandra sagomata è decorata da una bandella cromata ed è tinta in nero mentre i gruppi ottici anteriori fanno largo utilizzo della tecnologia LED con sistema Guide Me Light, che illumina i fari per ritrovare l'auto dopo averla parcheggiata. Le fiancate risultano ben sagomate e appaiono scavate da una nervatura che procede fino al paraurti posteriore. Di serie sono presenti le ruote in acciaio da 15 pollici ma in alternativa si può optare per i cerchi in lega da 16 pollici. La carrozzeria può essere tinta in nove colorazioni differenti, tra cui il Ray Blue Pearl Metallic con effetto cangiante.

Suzuki Baleno 2016

Interni e tecnologia.

La Suzuki Baleno fa utilizzo di una piattaforma di ultima generazione capace di offrire ampi spazi all'interno insieme ad una struttura notevolmente alleggerita. Il bagaglio mette a disposizione 355 litri di capienza grazie alla particolare geometria delle sospensioni posteriori, disegnate in modo da ridurre al minimo l'ingombro ai lati. Il divano posteriore può essere abbattuto con un semplice gesto seguendo numerose combinazioni. La strumentazione è abbinata ad uno schermo LED che mostra in tempo reale dati quali la coppia e la potenza istantanea ed informazioni sull'utilizzo di acceleratore e freno. Il sistema di infotainment utilizza uno schermo touchscreen da 7 pollici con piena integrazione con gli smartphone di ultima generazione tramite gli standard Apple CarPlay e tecnologia MirrorLink.

Suzuki Baleno

Motori e meccanica.

La nuova piattaforma della Suzuki Baleno viene abbinata a due propulsori benzina di ultima generazione dotati di tecnologie di alto livello. La versione d'accesso è dotata dell'unità BoosterJet 1.0 turbo ad iniezione diretta. Il piccolo tre cilindri sfrutta al massimo la sovralimentazione turbo e offre 111 CV e ben 170 Nm di coppia massima. Di serie è disponibile un cambio manuale a cinque rapporti ma si può optare anche per il cambio automatico a sei marce. L'unità 1.2 DualJet quattro cilindri con codice K12C offre 90 CV e 120 Nm di coppia e può essere abbinato al cambio manuale cinque marce o un automatico a variazione continua CVT. Il DualJet inoltre può fare utilizzo della nuova tecnologia di ibridazione SHVS: l'apparato Smart Hybrid Vehicle by Suzuki fa utilizzo di un generatore che recupera energia elettrica in frenata e la utilizza per alimentare lo Start&Stop. Il sistema libera il propulsore dallo sforzo a cui verrebbe sottoposto da un alternatore ed utilizza una cinghia per ridurre al minimo le rumorosità rispetto ad un classico motorino di avviamento. L'apparato SHVS utilizza una piccola batteria dedicata a ioni di litio ad alta efficienza.