in foto: Suzuki Ignis durante i crash test Euro NCAP.

Euro NCAP ha appena pubblicato i risultati dell'ultimo round di crash test per l'annata 2016. Le vetture analizzate sono: Audi Q2, Hyundai Ioniq, Ford Edge, Suzuki Ignis e le Ssangyong Tivoli e XLV. Delle 6 vetture valutate, 3 hanno ottenuto le 5 stelle mentre le altre 3 hanno fatto ricorso al sistema Dual Rating, a causa di una scarsa dotazione di serie. Il segretario generale di Euro NCAP, Michiel van Ratingen ha dichiarato: "È bello vedere che il sistema Dual Rating venga utilizzato in quanto incoraggia i costruttori a sviluppare tecnologie avanzate per i loro veicoli, anche se il prezzo del prodotto non consente di fornirle di serie nella gamma."

Bene SUV e ibride.

La neonata Audi Q2 è stata già sottoposta ai rigidi crash test ed il risultato è dei migliori: 5 stelle per il SUV compatto di Ingolstadt. La Q2 si è dimostrata particolarmente efficace nella sicurezza degli adulti registrando l'ottimo punteggio pari al 93%. Restando in ambito SUV ma passando ad un segmento superiore, ecco la Ford Edge. L'imponente SUV Full-size americano passa senza problemi tutte le prove ed ottiene le 5 stelle grazie alle numerose tecnologie sviluppate dall'Ovale Blu: a determinare la valutazione finale ha contribuito la categoria Safety Assist, con un punteggio pari all'89%. La berlina ibrida di casa Hyundai, la Ioniq, si è comportata molto bene in tutti i test e passa l'esame a pieni voti con 5 stelle e la soddisfazione di aver superato il 90% per la protezione degli adulti.

Male Suzuki Ignis e le Ssangyong.

Sorte ben differente per la Suzuki Ignis, la cui fascia di mercato penalizza fortemente la categoria Safety Assist. La vettura, nonostante una buona media nelle prove di impatto, vede la sua valutazione fermarsi a 3 stelle, a causa del 25% registrato in Safety Assist. Applicando il criterio Dual Rating, la Ignis viene testata col Dual Camera Brake Support opzionale, che spinge Safety Assist al 60% e porta al risultato di 5 stelle. La Ssangyong Tivoli è un'altra vittima dei nuovi criteri di valutazione. Il SUV compatto coreano non risulta particolarmente efficace nelle prove ed ottiene un punteggio finale di 3 stelle. Il sistema Dual Rating ha consentito l'utilizzo della frenata automatica di emergenza, offerta come optional. Il sistema AEB migliora di poco il punteggio di Safety Assist, che col 43% fa arrivare la Tivoli a 4 stelle. La medesima valutazione viene applicata anche per la sorella maggiore Ssangyong XLV.