in foto: Tokyo, lo smartphone si ricarica anche in autobus – Foto itmedia.co

Lo smartphone ha assunto ormai un ruolo centrale nella vita di ognuno, impossibile pensare di uscire di casa senza averlo al seguito. Capita spesso, però, di dover fare i conti con la batteria scarica; proprio per questo l'amministrazione giapponese ha pensato di dotare uno degli autobus di Tokyo di prese USB che permettono di ricaricare il proprio device tecnologico, sia esso uno smartphone o un tablet. Il progetto è in via di sperimentazione e non prevede costi ulteriori per i cittadini.

Ricariche a costo zero e sempre disponibili.

Le prese sono posizionate sopra il pulsante per la chiamata della fermata e vengono controllate dal personale del Tokyo Metropolitan Bureau of Transportation in servizio sul mezzo, che si assicura del loro funzionamento: l’idea è quella di fornire ai passeggeri un posto sicuro in cui caricare il proprio dispositivo per il tempo del tragitto. Una volta ricaricato lo smartphone il passeggero può staccare la presa e lasciare il posto a un altro utente. Una soluzione pensata per chi, grazie al telefono, riesce a svolgere il proprio lavoro anche fuori dall'ufficio: in questo modo sarà possibile inviare mail o rispondere ai messaggi in qualsiasi momento.

L'amministrazione nipponica non ha ancora reso noto se il progetto sarà esteso ad altre linee di autobus, ma come spiegato dal sito itmedia.co, l'iniziativa sta incontrando il favore dei passeggeri. Tokyo non è la prima città che decide di istituire un servizio di ricarica gratuito per gli smartphone: con la crescente necessità di essere sempre connessi e la rapidità con cui la batteria dei device si scarica anche Londra aveva sperimentato una soluzione simile così come anche Singapore, dove erano state installate prese a muro per ricaricare il telefono su una dozzina di autobus pubblici.