in foto: Sebastian Vettel – Getty Images

Le prime prove libere del Gran Premio d'Austria hanno confermato che a contendersi la vittoria saranno ancora una volta Ferrari e Mercedes: su un tracciato che negli ultimi anni ha sempre visto vincere le Frecce d'argento, Lewis Hamilton è stato il più veloce in entrambe le sessioni, ma alle sue spalle c'è la sagoma ingombrante della SF70H di Sebastian Vettel. Dopo il duello di Baku, il britannico e il tedesco si sono trovati ancora una volta fianco a fianco: la pace sancita dalla conferenza stampa, con le scuse del ferrarista accettate dal rivale nella corsa al titolo, potrebbe durare poco.

Il pilota del Cavallino, dopo un inizio in sordina, è stato capace di piazzare la zampata giusta per mettere pressione all'inglese: poco più di un decimo separa i due, un ritardo che non sembra preoccupare il tedesco, soddisfatto della sua vettura e consapevole di potersi giocare la pole position.

Spero di poter dare fastidio alle Mercedes anche se credo che sarà difficile; loro hanno dimostrato di essere veloci sia sul giro secco che sul passo gara, ma è solo venerdì. Abbiamo imparato molto oggi e sappiamo cosa ci serve per domani – ha dichiarato ai microfoni di Sky -. Abbiamo capito cosa è successo a Baku ma qui è diverso, fa più caldo rispetto e il riscaldamento delle gomme non sembra essere un problema. Vedremo domani come andrà, ma la macchina ha dato buone sensazioni, abbiamo fatto miglioramenti e dovremo farne ancora domani.

Raikkonen: "Dobbiamo migliorare, ma sistemeremo tutto"

Più attardato rispetto al compagno di squadra è Kimi Raikkonen. Il finlandese non è riuscito ad andare oltre il 6° posto nella simulazione di qualifica dove ha sbagliato il primo tentativo non riuscendo più a trovare il giro giusto per mettersi nelle posizioni di testa. Nonostante qualche inconveniente, però, il passo gara è sembrato buono tanto da coltivare un certo ottimismo nel pilota della Ferrari: "Abbiamo tre mescole diverse a disposizione, dobbiamo migliorare ma abbiamo ancora domani. Abbiamo faticato un po' con alcuni piccoli problemi, ma dovremmo riuscire a sistemare tutto. Non è un stato venerdì grandioso, ma nemmeno negativo" ha sottolineato il campione del mondo 2007. Il morale in casa Ferrari è alto, la scuderia italiana è consapevole che una vittoria in Austria potrebbe essere già decisiva nella lotta al titolo mondiale.