Il mese di marzo, per il settore auto, è stato da record: sono 1.936.839 le auto immatricolate, il 10,9% in più rispetto allo stesso mese del 2016. Un risultato che fa ben sperare anche per il prosieguo del 2017; la maggior parte dei 28 Paesi europei – ai quali vanno aggiunti anche quelli Efta – sono in crescita con la Grecia a guidare la classifica grazie al +37,7% mentre l’Italia continua ad avanzare superando così la positiva performance globale.

Volkswagen in testa, dietro le francesi.

Ma quali sono i marchi che hanno venduto di più? A laurearsi campione è la Volkswagen. Il colosso tedesco, nonostante lo scandalo Dieselgate non sia ancora del tutto alle spalle, nel primo trimestre dell’anno cresce del 5,7%, immatricolando 935.054 vetture. Tutti i marchi del gruppo fanno registrare una crescita importante, segno che il nuovo corso intrapreso dalla casa di Stoccarda comincia a dare i suoi frutti. Dietro i tedeschi la medaglia d'argento spetta ai francesi del gruppo PSA; sono 414.316 le auto vendute con un incremento del 3,8%. A spingere in avanti sono i marchi Citroen e Peugeot anche se il dato risente del dato negativo di Ds. A completare il podio, poi, c'è un altro gruppo transalpino come quello Renault che sfiora le 400mila auto vendute e porta in positivo tutti i marchi (Renault, Dacia e Lada).

Ford giù dal podio, Bene Fca.

Appena ai piedi del podio c'è il gigante Ford che avanza del 10% rispetto ai primi tre mesi del 2016, ma si ferma a  308.452 vetture precedendo di un soffio Fca. Il gruppo italiano si conferma occupando il quinto posto in questa speciale classifica 298.605 vendite. In grande spolvero Alfa Romeo che grazie ai nuovi modelli Giulia e Stelvio, riesce a far registrare un +31,8%. In positivo anche Fiat, Lancia e Jeep. Sesto posto per Opel che precede gli altri due colossi tedeschi Bmw, fermo a 260.539 auto vendute, e Mercedes che però deve fare i conti con il calo del marchio Smart. A chiudere la top ten ci sono poi due giapponesi come Toyota – capace di incrementare il proprio volume del 20% rispetto al primo trimestre 2016 – e Nissan che con 177.377 immatricolazione vede aumentare la propria quota fino a 11%.