La Volkswagen Golf è una delle auto più amate di tutti i tempi. La compatta di Wolfsburg vanta una lunga storia, che parte dagli anni '70 e prosegue senza sosta fino ai giorni nostri. La best-seller del brand tedesco si è sempre dimostrata una vettura innovativa e costantemente al passo coi tempi introducendo tecnologie sempre più avanzate. Declinata in numerose varianti, dalla sportiva Gti alla elettrica e-Golf, la compatta tedesca riesce ad evolversi senza tradire le sue origini.

Prima generazione (1974-1983)

in foto: Volkswagen Golf I.

La Volkswagen Golf nasce nel 1974 e debutta ufficialmente con un motore 1.1 litri da 50 CV. Compatta e particolarmente agile, la piccola tedesca riesce a conquistare il pubblico in breve tempo: in appena due anni vengono prodotti 500.000 esemplari. In seguito la gamma viene ampliata introducendo la variante ad alte prestazioni Golf Gti, caratterizzata dal motore 1.6 litri da 110 CV e la leva del cambio a pallina da golf. Il successo della vettura viene confermato anche dai modelli diesel e cabriolet.

Seconda generazione (1983-1991)

Nel 1983 la Volkswagen Golf passa alla seconda generazione e si migliora notevolmente. Il listino accoglie motori più efficienti e sulla Golf Gti debutta l'unità 1.8 benzina ad iniezione dotata di catalizzatore. Mentre le vendite superavano i sette milioni, nel 1986 la Golf diventa anche a trazione integrale con la versione Syncro. Tra le peculiarità della seconda generazione vanno segnalati l'Abs e la mitica G60 col motore 1.8 litri e 160 CV, una perla rarissima e ambita da numerosi collezionisti.

Terza generazione (1991-1997)

Volkswagen Golf IIIin foto: Volkswagen Golf III.

Con una reputazione confermata da 12,7 milioni di vendite, la Volkswagen Golf si trasforma ancora con la terza generazione del 1991. Per questo modello il colosso di Wolfsburg opta per un approccio più "green" puntando a materiali riciclabili e motori a basso impatto ambientale. Il design riesce a combinare un telaio robusto ad un corpo vettura più studiato dal punto di vista aerodinamico. Il look appare notevolmente più moderno e a beneficiarne sono soprattutto le Gti, che appaiono più aggressive e migliorano la stabilità in curva.

Quarta generazione (1997-2003)

Nel 1997 debutta la quarta generazione di Volkswagen Golf. Le dimensioni della vettura crescono, così come la sua abitabilità interna. Il design abbandona le sagome squadrate di un tempo e punta a linee più morbide e seducenti. La gamma motori mette a disposizione un vasto numero di unità benzina e diesel abbinabili al cambio manuale con frizione ad azionamento idraulico. Debutta il cambio automatico a quattro marce con programma Dsp che gestisce al meglio i punti di innesto. La Golf IV introduce nel segmento delle compatte il navigatore satellitare ed il telefono GSM.

Quinta generazione (2003-2008)

Volkswagen Golf Vin foto: Volkswagen Golf V.

La quinta generazione di Volkswagen Golf punta prima di tutto alla sicurezza: il telaio risulta notevolmente più rigido rispetto al modello uscente e la carrozzeria utilizza nuove lamiere ad alta resistenza e alleggerite. Il look di questo modello è caratterizzato dai grossi fari anteriori con doppio proiettore ed il retrotreno largo e aggressivo. Gli interni offrono il massimo comfort grazie a nuovi sedili anteriori completamente regolabili. Il listino propone gli efficienti motori turbodiesel 2.0 TDI, la trazione integrale 4Motion ed il cambio automatico a doppia frizione Dsg.

Sesta generazione (2008-2012)

Con la sesta generazione la Volkswagen rivoluziona ancora una volta il suo stile: la calandra guadagna una serie di listelli orizzontali e i gruppi ottici passano ad un design più sottile. I motori si evolvono ancora e i consumi calano ulteriormente, in particolare il TDI ottiene la tecnologia common rail e diventa ancora più efficiente. La tecnologia la fa da padrone e debuttano il Park Assist, il cruise control adattivo Acc e la regolazione adattiva dell'assetto Dcc che cambia il carattere della vettura con la pressione di un pulsante.

Settima generazione (2012-attuale)

Volkswagen e-Golf 2017in foto: Volkswagen e–Golf 2017.

Nel 2012 debutta la settima generazione di Volkswagen Golf e la vettura migliora ancora. I pesi vengono ridotti di circa 100 Kg rispetto al modello uscente e la meccanica ha raggiunto livelli avanzatissimi che portano la vettura a livelli pari ai brand premium. La Golf diventa un punto di riferimento per la sicurezza introducendo di serie tecnologie come la frenata automatica d'emergenza, offerta di serie su tutti i modelli. Nel 2017 la Volkswagen ottiene un massiccio restyling e la gamma riesce a soddisfare ogni tipo di cliente con numerose varianti: le sportive Gti. Gtd e R, ibrida Gte, elettrica E-Golf e bi-fuel benzina/metano Tgi.