Aldo Costa – LaPresse
in foto: Aldo Costa – LaPresse

Ha scritto la storia della Mercedes contribuendo in maniera decisiva ai successi delle Frecce d'argento degli ultimi anni, ma per Aldo Costa adesso è ora di intraprendere una nuova avventura; il tecnico italiano, che da oltre un anno svolgeva il ruolo di consulente per la casa anglo-tedesca, ha deciso di dire basta per sposare il progetto Dallara dove ricoprirà il ruolo di direttore tecnico soddisfacendo così il desiderio di avvicinarsi a casa e lavorando così su diversi progetti automobilistici.

Costa sarà direttore tecnico Dallara

Una scelta, quella di Aldo Costa, tutta di cuore: la sua avventura con la Mercedes si chiuderà a fine settembre mentre l'inizio della collaborazione con Dallara avverrà nel 2020. "Da quando ho fatto un passo indietro dal mio ruolo di direttore tecnico mi sono divertito a supportare il team durante questa stagione e ho anche cercato la mia prossima sfida oltre la Formula 1. Dopo molti anni di lavoro ai vertici del nostro sport, sono entusiasta di poter contribuire con ciò che ho imparato ad altre serie di corse e ai progetti automobilistici ad alte prestazioni al di fuori delle corse. Ricordo di aver scritto a Giampaolo all'inizio della mia carriera per un lavoro; all'epoca non c'era nulla disponibile, ma era in grado di aprirmi alcune porte nel settore. Ora, molti anni dopo, mi sembra che la ruota sia tornata al punto di partenza e sono orgoglioso di unirmi a questa iconica compagnia del motorsport italiano" ha sottolineato Costa.

A breve, quindi, inizierà una nuova fase della carriera di Aldo Costa, uno degli ingegneri italiani più importanti nel panorama mondiale; Costa, infatti, aveva già fatto parte di quel dream team dell'era Schumacher nel quale ricopriva il ruolo di assistente del capo progettista Rory Byrne, di cui poi ereditò il ruolo nel 2004. Dal 2006, invece, fu responsabile della progettazione e dello sviluppo della scuderia e successivamente direttore tecnico prima salutare il team nel 2011; a quel punto arrivò la Mercedes che non si fece scappare l'occasione ingaggiandolo e costruendo, anche grazie a lui, i successi degli ultimi anni. Adesso, però, sarà la Dallara a poter beneficiare delle sua esperienza.