Tony Cairoli, 34 anni / De Carli Racing
in foto: Tony Cairoli, 34 anni / De Carli Racing

La stagione del Motocross sta per ripartire con il trittico degli Internazionali d’Italia ma per rivedere Antonio Cairoli dietro al cancelletto di partenza bisognerà aspettare ancora un po’. Il nove volte campione del mondo di Motocross, reduce dall’infortunio alla spalla destra rimediato sulla pista di Kegums, in Lettonia, che lo aveva costretto a dare forfait nelle tappe finali del campionato MXGP 2019, ha annunciato che salterà sia il round di Riola Sardo, in provincia di Oristano, sia il successivo a Ottobiano, in provincia di Pavia, in programma rispettivamente il 26 gennaio e 2 febbraio prossimi.

Salta il rientro di Tony Cairoli

La notizia, anticipata sui social dallo stesso Cairoli, spiazza i tantissimi tifosi e appassionati che speravano di rivederlo in azione a partire da questo fine settimana. “Purtroppo non ci sarò” scrive su Instagram, pubblicando una foto degli allenamenti che, dopo essere stato fermo per più di sei mesi, sta svolgendo in vista della gara inaugurale della stagione 2020 del Mondiale prevista per il prossimo 1 marzo sulla pista inglese di Matterley Basin. Cairoli ha già effettuato alcuni test sulla pista di motocross di Malagrotta (Roma) e da una quindicina di giorni si è spostato in Sardegna per intensificare l’allenamento in moto su diversi terreni ma, insieme alla squadra, ha deciso di rimandare il suo rientro, posticipandolo al terzo e ultimo round degli Internazionali nel weekend del 9 febbraio al Tazio Nuvolari di Mantova.

Assente anche Jorge Prado

Per il team di Claudio De Carli, quella di Cairoli non sarà l’unica assenza agli Internazionali: non sarà al via neanche il suo nuovo compagno di squadra, il 19enne Jorge Prado, lo scorso anno dominatore della categoria MX2 sia agli Internazionali sia sulle piste del Mondiale, costretto a saltare le tre gare italiane in seguito alla frattura del femore sinistro rimediata lo scorso dicembre in una brutta caduta durante un allenamento a Malagrotta insieme a Cairoli. Il suo recupero sta procedendo al meglio (Jorge è già in piedi e cammina senza stampelle) ma per lo spagnolo sarebbero a rischio anche le prime due prove del Mondiale. Quanto alle condizioni di salute di Cairoli, il team manager De Carli ha spiegato che, mancando più di un mese all’inizio del campionato “non dobbiamo avere fretta per il ritorno di Tony che, per l’infortunio alla spalla e il conseguente intervento chirurgico, è stato fermo per un lungo periodo per poi iniziare la riabilitazione con grande volontà e ottimi risultati”.

Anche da quando è risalito in moto – ha aggiunto De Carli, parlando della situazione del siciliano che tornerà a battagliare per vincere il decimo titolo iridato – ha lavorato bene ma abbiamo valutato che si può crescere ancora un po’ in condizione e il nostro obiettivo è il Mondiale. Al momento pensiamo possa scendere in pista a Mantova tra due settimane”.

Purtroppo non ci sarò alle prime due prove degli internazionali d’italia leggere 👇 per maggiori info. 📸 Archer Antonio Cairoli non parteciperà alla prima prova degli Internazionali d’Italia di Motocross 2020, in programma per questo weekend a Riola Sardo (OR) in Sardegna. Il portacolori del Red Bull KTM Factory Racing MXGP sta svolgendo al meglio la fase di preparazione al Mondiale MXGP, e con la sua squadra dopo gli allenamenti e i test effettuati sulla pista di Malagrotta (Roma) già da una quindicina di giorni si è spostato nel Nord-Ovest della Sardegna per intensificare le sessioni in moto su diversi terreni. In accordo con il Team Manager Claudio De Carli, Antonio ha deciso di posticipare il suo rientro in gara di almeno un paio di settimane; potrebbe schierarsi al via della terza prova degli Internazionali nel weekend del 9 Febbraio sulla pista Tazio Nuvolari di Mantova. “Manca più di un mese all’inizio del Mondiale – spiega Claudio De Carli – e non dobbiamo aver fretta per il ritorno di Tony dietro al cancelletto di partenza. Per l’infortunio alla spalla (GP Kegums) e il conseguente intervento chirurgico è stato fermo per un lungo periodo ed ha poi iniziato la riabilitazione con grande volontà e ottimi risultati. Anche da quando è risalito in moto ha lavorato bene ma abbiamo valutato che si può crescere ancora un po’ in condizione e il nostro obiettivo è il mondiale. Al momento pensiamo possa scendere in pista a Mantova tra due settimane”.

A post shared by Tony Cairoli (@antoniocairoli) on