Charles Leclerc, 22 anni, e Sebastian Vettel, 32 / Getty
in foto: Charles Leclerc, 22 anni, e Sebastian Vettel, 32 / Getty

Charles Leclerc ha ammesso di aver “imparato moltissimo” da Sebastian Vettel. Al termine del suo primo anno in Ferrari, il 22enne pilota monegasco tira le somme della stagione, chiusa con il quarto posto in campionato dietro al rivale della Red Bull, Max Verstappen, ma battendo di ben 24 punti il suo compagno di squadra. Un sorpasso che, da quando Vettel è arrivato in Ferrari, non era mai riuscito al più esperto Kimi Raikkonen, mentre Leclerc lo ha finalizzato al primo colpo, senza mostrare alcun timore reverenziale. “Sono felicissimo per come è andata questa stagione – le parole di Leclerc riportate dal sito della Formula 1 – .  È  stato un grande anno, per me la realizzazione di un sogno che avevo fin dall’infanzia. Ho sempre sognato di essere in F1 e di correre con la Ferrari. Fare parte di questa squadra è incredibile, e ora tocca a me lavorare, migliorare e spero di dare loro il successo che meritano”.

Leclerc: "Io meglio di Vettel? Ho imparato moltissimo grazie lui"

Se all’inizio della stagione mi avessero detto che avrei conquistato sette pole e dieci podi, non ci avrei creduto – ha sottolineato il monegasco che nel 2019 si è assicurato due vittorie, nei GP di Spa e Monza, contro la sola centrata da Vettel a Shanghai – . Ho imparato moltissimo grazie a Seb” ha aggiunto, riconoscente nei confronti del compagno di squadra.

Alla fine, nonostante gli alti e bassi della Ferrari, conditi da sfortuna e tanti sbagli (come il clamoroso scontro tra i due ferraristi in Brasile) è andata “decisamente meglio di quanto mi aspettassi, anche se guardando indietro ci sono stati parecchi errori, quindi l’obiettivo sarà comprenderli e cercare di non rifarli – è il primo dei buoni propositi di Leclerc, il cui bilancio è tutto sommato positivo –  . Sono soddisfatto di questa prima stagione perché non è stata una stagione facile. Nella prima parte abbiamo faticato, ma penso che abbiamo lavorato bene e migliorato, e che questo si sia visto nella seconda parte, quando abbiamo conquistato due vittorie incredibili. Ovviamente vincere a Monza è andato oltre tutti i miei sogni. Essere su quel podio, con migliaia di tifosi della Ferrari è stato assolutamente grandioso. Queste esperienze non le dimenticherò mai. So di avere ancora molto lavoro da fare, ma abbasserò la testa e proverò a fare ancora meglio”.