A 3 anni dalla commercializzazione, la Citroen C4 Cactus non salta l'appuntamento col classico restyling di metà carriera. La crossover francese aggiorna il look rendendo meno "estremi" alcuni dettagli che fino ad ora l'hanno caratterizzata, primo fra tutti l'AirBump. Il grosso delle modifiche riguarda principalmente l'introduzione di diverse migliorie che incrementano notevolmente il comfort a bordo. La dotazione mette a disposizione una più corposa gamma di sistemi di assistenza alla guida.

citroen-c4-cactus-restyling
in foto: Citroen C4 Cactus Restyling.

Look sobrio. Il restyling "normalizza" la Citroen C4 Cactus, che assume un look più sobrio. La modifica di maggior rilievo riguarda i caratteristici AirBump, le coperture in gomma che fino ad ora proteggevano le portiere della Cactus: riprendendo il look della compatta C3, le fasce paracolpi sono state spostate verso il basso e sono di dimensioni nettamente inferiori. La zona anteriore mette in bella mostra i nuovi gruppi ottici con luci diurne a LED. Le nuove proporzioni danno un aspetto meno estremo alla vettura e la linea del tetto tende a ridurre la dimensione delle superfici vetrate. Al retrotreno si notano i nuovi fanali a Led con tecnologia 3D.

interni-citroen-c4-cactus-restyling
in foto: Citroen C4 Cactus Restyling.

Massimo comfort a bordo. Le novità di maggior rilievo riguardano il comfort della vettura. La Citroen C4 Cactus monta per la prima volta delle sospensioni con smorzatori idraulici progressivi: una soluzione che aggiunge a fine corsa un piccolo dispositivo idraulico che riducono notevolmente l'entità dell'impatto quando la sospensione arriva a fine corsa. Debuttano inoltre i sedili Advanced Comfort dotati di una schiuma poliuretanica ad alta densità che preserva la comodità delle sedute nel tempo. La C4 Cactus si adegua al resto della e ora dispone di 12 sistemi di assistenza alla guida. Il listino si amplia col motore benzina PureTech da 130 CV.