Uno sguardo al passato per orientarsi al futuro, la Citroen punta sull'elettrico e lo fa rispolverando un grande classico. Si tratta della Mehari, storico vettura del marchio che fece scalpore alla fine degli anni '60, che si rifà il look presentandosi in versione elettrica e cabriolet. Un modello che punta ad essere l'eccezione nel mondo delle auto a zero emissioni sia per l'abitacolo scoperto, che può essere coperto dalla capote alloggiata nel bagagliaio assieme a lunotto e finestrini smontabili sia per l'allestimento, piuttosto spartano che però può contare su sistema audio Bluetooth Parrot, servosterzo con funzione City, ESC + ASR e cerchi in lega da 15″. L'unico optional consentito, infatti, è il climatizzatore.

Creata per godersi la natura

Un'auto progettata per godersi la vita all'aperto, anche grazie al silenzio offerto dal motore elettrico da 50 Kw alimentato da una batteria a secco calda Bolloré di tipo LMP (Lithium-Metal-Polimère) con una capacità di 30 Kwh. Come l'antenata, anche la nuova Citroen E-Mehari, prodotta in collaborazione con la francese Bolloré, è realizzata in materiale plastico e disponibili in quattro differenti colorazioni, tutte piuttosto vivaci, abbinate a interni beige con tetto nero oppure arancio con tetto dello stesso colore.

200 km di autonomia al prezzo di 25.990 euro

La nuova vettura del marchio transalpino promette un'autonomia di circa 200 km nel ciclo urbano raggiungendo la velocità di 110 km/h. Per la ricarica, invece, servono 13 ore se collegata alla presa domestica mentre ne basteranno 8 se si usa una colonnina da 16A. Il prezzo della nuova Citroen E-Mehari è di 25.990 euro ai quali vanno aggiunti 87 euro al mese per il noleggio delle batterie dalla società BlueCar.