Tra i piloti che hanno scelto un casco speciale per il Gran Premio d’Italia di Formula 1, anche il rookie inglese della McLaren, Lando Norris che, da grande tifoso di Valentino Rossi, ha voluto dedicare il casco con cui scenderà in pista nel weekend di Monza proprio al nove volte campione. La grafica riprende infatti i simboli portafortuna del Dottore, ovvero il sole e la luna, mentre dietro alla nuca la scritta “Lando” ricorda da vicino il The Doctor stampato sulla tuta del pesarese. Anche gli stivali richiamano lo stile del 46, ridisegnati e caratterizzati dal giallo fosforescente su fondo blu che ha distinto il Dottore per tutta la carriera.

Casco speciale dedicato al 46

Tempo fa ho chiesto il permesso a Valentino sui social, perché non volevo si creasse un problema –  ha spiegato Norris in un’intervista ad Autosport – . Volevo crearmi questa opportunità per rendere la gara di Monza più speciale e unica, e creare un maggior feeling con Valentino, l’eroe a cui mi sono sempre ispirato sin da ragazzino. È più per dedizione verso di lui che per altro”. Sempre sui social, il commento di Valentino che ha risposto al post con cui il pilota inglese ha rivelato il nuovo casco speciale. “Grande Lando!” e uno scaramantico segno della corna come emoji.

When in Italy, wear something a little @valeyellow46 😉🇮🇹 #VR46 #LN4

A post shared by Lando Norris (@landonorris) on

Una passione, quella per il campionissimo della MotoGP, nata diversi anni fa. “Nei kart avevo diversi caschi, tute, stivali e kit di adesivi di questi colori – racconta il quasi 20enne pilota inglese – ma mi concentravo solo sulla gara. Adesso, nelle gare in cui posso, voglio avere un casco o degli stivali speciali o qualcosa del genere”. Norris, che ha scelto di esordire in Formula 1 con il numero 4 dopo aver pensato di scegliere proprio il 46, in occasione della tappa del Motomondiale di due settimane fa a Silverstone, è stato ospite del paddock della MotoGP e ha fatto visita al box Yamaha, dove per la prima volta ha potuto stringere la mano al suo idolo e scambiare due chiacchiere con lui prima di vederlo sfrecciare in pista sulla sua Yamaha.