Un render 3D della nuova R.S.20 con cui i piloti Renault affronteranno la stagione di Formula 1 2020 / Renault Racing
in foto: Un render 3D della nuova R.S.20 con cui i piloti Renault affronteranno la stagione di Formula 1 2020 / Renault Racing

Dopo Ferrari e Red Bull, tocca alla Renault presentare la vettura con cui l’australiano Daniel Ricciardo e il suo nuovo compagno di squadra, il francese Esteban Ocon, saranno al via della stagione 2020 del campionato di Formula 1. La monoposto è stata anticipata da alcuni render 3D, pubblicati dal team sui social della squadra e, in contemporanea, mostrati sul maxischermo dell’Atelier Renault sugli Champs Elysees, a Parigi, dove la scuderia di Enstone si è ritrovata al gran completo per l’evento ufficiale.

Renault anticipa la nuova R.S.20 ma non la livrea

Alla presentazione, trasmessa in diretta streaming attraverso il canale del team, presenti i vertici della squadra e ovviamente la nuova coppia di piloti che ha illustrato la propria preparazione e le aspettative in vista dell’inizio del campionato. “Le cose saranno più semplici dopo un anno di conoscenza con il team – ha ammesso Ricciardo – . Non vedo l'ora di tornare in pista e ricominciare la stagione”.

La vettura, tuttavia, non è stata mostrata a Parigi e, negli scatti pubblicati dalla Renault, veste ancora una livrea test dal momento che non è stata ancora assemblata.  “Il design della nuova R.S.20 è entusiasmante – ha anticipato Ocon –  . Il primo passo sarà quello di capire che sensazioni ci darà al volante”.

I colori mostrati oggi, dunque, non saranno quelli con cui la monoposto affronterà la stagione ma saranno visibili solamente a partire dalla prima delle prime tre giornate di test pre-campionato previste al Montmelò di Barcellona dal 19 al 21 febbraio. Quanto allo sviluppo della vettura, a chiarire lo stato di avanzamento della nuova R.S.20 è stato il direttore esecutivo di Enstone, Marcin Budkowski. “Tutti gli aggiornamenti – ha ammesso nel corso del suo intervento – non saranno disponibili già nei test di Barcellona, ma abbiamo un programma di lavoro intenso in vista dell'inizio della stagione. Lo scorso anno abbiamo perso il filo dello sviluppo e l’abbiamo dovuto recuperare in corso d’opera. Ma questo ci permetterà di iniziare comunque il 2020 con il piede giusto”.