La battaglia tra Max Verstappen e Charles Leclerc nel GP di Gran Bretagna / Getty
in foto: La battaglia tra Max Verstappen e Charles Leclerc nel GP di Gran Bretagna / Getty

Alla fine, il Gran Premio di Gran Bretagna si era concluso con un magro quinto posto per Max Verstappen ma la lotta con Charles Leclerc andata in scena sul circuito di Silverstone è stata ritenuta la migliore azione della stagione 2019 dalla FIA. Durante il Prize Giving gala di Parigi, la Federazione ha infatti conferito al pilota della Red Bull il premio denominato “Action of The Year” per la battaglia a suon di sorpassi avuta con il ferrarista a due settimane dallo scontro sempre con il monegasco in Austria. Leclerc, che a Spielberg si era dovuto accontentare della piazza d’onore alle spalle dell’olandese, a Silverstone aveva invece chiuso la gara in terza posizione, mentre Verstappen si era giocato la possibilità di salire sul podio dopo il contatto avuto con Sebastian Vettel a dieci giri dalla fine.

Verstappen premiato per il duello con Leclerc a Silverstone

Verstappen, che oltre al riconoscimento per il duello rusticano ha ricevuto anche il premio per il terzo posto in campionato (il suo miglior piazzamento in questi suoi primi cinque anni di Formula 1), ha così commentato la stagione da poco conclusa: “Sono accadute molte cose e mi sono divertito – ha detto il 22enne della Red Bull – . A Silverstone siamo andati un po’ fuori pista e le nostre ruote si sono toccate, un qualcosa che non si vede spesso in Formula 1. Se poi vinci una lotta del genere, allora ricevi una soddisfazione ancora più grande. È stato bello battagliare con Charles. Anche in passato, nei kart, avevamo avuto sfide così ravvicinate e credo che ne vivremo diverse anche nei prossimi anni”.

Parlando poi della stagione, Verstappen ha avuto pochi dubbi nel definire il Gran Premio d’Austria la sua migliore gara dell’anno. “Delle mie tre vittorie del 2019, quella di Spielberg è stata la più speciale, considerate le circostanze. Innanzitutto perché è stato il primo successo di Honda nell’era ibrida dei V6, e poi perché era la gara di casa della Red Bull. E poi è stato grandioso regalare un risultato del genere a tutti i tifosi vestiti arancione sulle tribune. Prima di quella gara, eravamo un po’ in difficoltà, ma alcune modifiche hanno migliorato il rendimento della vettura. Credo anche che per la Honda si sia trattata di una vittoria dal sapore di sollievo, dopo tutti gli anni difficili che hanno vissuto”.