Sebastain Vettel, 32 anni, con la vettura dello scorso anno / Getty
in foto: Sebastain Vettel, 32 anni, con la vettura dello scorso anno / Getty

La Ferrari 2020 alza il velo in trasferta, nella serata di gala organizzata al teatro Romolo Valli di Reggio Emilia, dove la nuova monoposto si mostra per la prima volta in pubblico, nel fitto calendario di impegni che vedrà la Scuderia di Maranello tornare in pista dal 19 febbraio al Montmelò di Barcellona per il primo test pre-campionato. Occhi puntati sulla livrea della nuova Rossa che, oltre a colori e veste grafica, dovrà saper dimostrare di poter combattere contro rivali agguerrite come Mercedes e Red Bull. I primi riscontri arriveranno soltanto dai test ma tutta la squadra confida nel grande lavoro svolto durante l’inverno a Maranello, sia sulla vettura sia al simulatore, dove Sebastian Vettel e Charles Leclerc hanno provato diversi assetti e configurazioni.

La nuova Ferrari si svela a Reggio Emilia

I due piloti, tra i protagonisti più attesi della presentazione insieme ai rappresentanti della squadra e i vertici della Ferrari, l’amministratore delegato Louis Camilleri, il team principal Mattia Binotto e il presidente John Elkann, divideranno il box per il secondo anno consecutivo e, per adesso, la certezza che dal 2021 sarà Leclerc a restare in Ferrari con un contratto esteso a tutto il 2024.

I veli cadranno intorno alle 19, con l’orario di inizio dell’evento fissato per le 18:30, trasmesso in live streaming sui social e sul canale ufficiale della Scuderia e in diretta tv su Sky Sport F1 e Rai2. Più che un taglio col passato, la nuova Ferrari si preannuncia un’evoluzione della vecchia monoposto, in particolare per i nuovi contenuti di assetto e aerodinamica che dovrebbero compensare i problemi avuti nella passata stagione. Come evoluto da un anno di convivenza sarà il rapporto tra Vettel e Leclerc che correranno senza gerarchie interne e la battaglia per il titolo iridato come primo obiettivo.