Maximilian Guenther, 22 anni / BMW Andretti Motorsport
in foto: Maximilian Guenther, 22 anni / BMW Andretti Motorsport

Dopo la doppia apertura del 2019 in Arabia Saudita che ha visto trionfare la debuttante Porsche di Sam Bird e la BMW di Alexander Sims, la Formula E dà spettacolo sulle strade del Parque O'Higgins di Santiago del Cile per il terzo round stagionale. Tracciato profondamente rivisto, dopo le polemiche dell’edizione 2019, che è stato teatro di numerosi sorpassi grazie alle curve a gomito e alla larghezza del pista che ha regalato una gara ricca di emozioni. A scattare dalla pole, dopo aver dominato le qualifiche, è stato il neozelandese della Jaguar Mitch Evans che dopo poche tornate ha però dovuto cedere il comando della corsa all’arrembante pilota della BMW Maximilian Guenther.

Guenther si prende Santiago: è il più giovane a vincere nella serie

Il tedesco, protagonista in qualifica di uno strano episodio per il quale era stato graziato dalla Direzione Gara malgrado fosse uscito dalla corsia dei box con il semaforo rosso, non ha perso tempo dalla seconda casella, scavalcando con un’azione molto dura il rivale. Un azzardo che ha pagato fino alle fasi finali, quando Antonio Felix Da Costa ha insidiato la sua leadership, sorpassandolo di forza. Guenther però non si è arreso e, all’ultima curva dell’ultimo giro, lo ha infilato senza possibilità di replica alcuna, favorito anche da una noia tecnica della Ds Techeetah del portoghese.

Prima vittoria nella serie per il tedesco che, a 22 anni, diventa così il pilota più giovane ad aver vinto una gara della Formula E. Sul podio, accanto a Da Costa sale anche Evans che ha mantenuto senza troppi problemi la terza posizione. Altra amara prestazione, invece, per Felipe Massa che, dalla seconda fila con lo stesso tempo di Sebastien Buemi, nella prima metà gara ha perso terreno, chiudendo in 11° posizione al traguardo. Dalle retrovie ci ha provato pure il due volte campione Jean Eric Vergne che, partito dalla 11° posizione, ha provato a risalire ma, la rottura dell’ala anteriore in seguito a un contatto, lo ha costretto al ritiro.