Andrea Iannone sta disputando un’annata pessima, probabilmente la peggiore della sua carriera. La Suzuki non lo aiuta certamente, ma 28 punti sono pochissimi e il sedicesimo posto nella classifica piloti è assai deludente. In Germania, nella gara vinta per l’ottava volta consecutiva da Marc Marquez, Iannone era partito bene, ma l’ennesima caduto gli ha precluso la zona punti. Dopo i pesanti attacchi subita da parte dell’ex pilota americano Schwantz anche il web insorge contro l’abruzzese e lo attacca soprattutto per via della sua storia con Belen.

Il mondo social lancia delle accuse molto precise al pilota, che comunque la scorsa estate quando era già legato alla soubrette argentina vinse una gara, ma il leitmotiv del web è pressoché questo: “Iannone? Da tempo pensa solamente a Belen e pochissimo alle moto, per questo va così male”. I tanti post su Instagram, le copertine, le tanti voci sulla vita privata del pilota e il rapporto forse non più così solido con Belen hanno alimentato le polemiche. Naturalmente c’è anche chi lo difende e ritiene che il pilota stia andando particolarmente male perché è parecchio svantaggiato da un mezzo non all’altezza.

Iannone, al di là delle critiche, del gossip, delle presunte distrazioni amorose e dei presenti problemi con la sua fiamma, sicuramente sta disputando una stagione disastrosa. Dopo 9 gare lo scorso anno, con la Ducati, il pilota nato a Vasto aveva ottenuto 63 punti, mentre adesso ne ha solamente 35, praticamente poco più della metà. Il miglior risultato dell’abruzzese è il settimo posto di Austin. Nemmeno il nuovo telaio e una serie di migliorie elettroniche apportate dal Gran Premio di Catalogna hanno migliorato la Suzuki GSX-RR di Iannone, che nelle ultime tre gare non è riuscito andare oltre il nono posto conquistato ad Assen.