Tony Cairoli, 33 anni, e Jorge Prado, 18 / Instagram
in foto: Tony Cairoli, 33 anni, e Jorge Prado, 18 / Instagram

Brutto colpo per Jorge Prado. Il 18enne spagnolo, due volte iridato dell’MX2 che dal 2020 dividerà il box con il nove volte campione Tony Cairoli, ha subito un grave infortunio durante un allenamento sulla pista di Malagrotta. Prado stava girando insieme al fuoriclasse siciliano quando è atterrato malamente dopo un salto, rimediando la frattura del femore sinistro. La notizia è stata anticipata dal sito specialistico MXBars che, nella serata di ieri, giovedì 13 dicembre, ha appreso le prime informazioni sulle condizioni del giovane pilota.

Grave infortunio per Prado

Attraverso un comunicato ufficiale diffuso negli ultimi minuti dalla KTM, è stato Claudio De Carli, ex pilota e numero uno del team De Carli Racing con cui Prado affronta il salto di categoria, a fornire un aggiornamento sull’incidente. "Jorge era a soli due giri dalla fine della sessione di allenamento, stava piovendo e serviva un buon controllo della moto per affrontare uno dei salti più importanti della pista. Non aveva un buon grip in sella e, quando era sulla rampa, ha perso il piede dalla pedana, cadendo in fase di salto".

Prado è stato trasportato all’European Hospital di Roma dove è ieri sera stato sottoposto a un intervento chirurgico per ridurre la frattura. L’operazione è stata condotta dott. Massimiliano Nannerini che ha inserito un perno nel femore. Si prevede che, se la risposta iniziale sarà positiva, il pilota verrà dimesso tra due giorni. "Nannerini è uno specialista fantastico, che conosciamo bene e di cui ci fidiamo – ha aggiunto De Carli – . Per Jorge purtroppo è una battuta d'arresto che non ci voleva ma l’importante è che guarisca bene per poi concentrarsi sulla sua prima stagione in MXGP".

Non ci sono però ancora previsioni riguardo ai tempi di recupero. In ogni caso, una tegola per Prado che, a seconda della gravità dell’infortunio, dovrà necessariamente affrontate tempi di ricovero e riabilitazione medio-lunghi. In casi analoghi si parla infatti di almeno sei-otto settimane. Per lo spagnolo si prospetta quindi un Natale di convalescenza e, di certo, questo stop precluderà molti allenamenti invernali.

D’altra parte, non c’è alcuna preoccupazione in vista del suo debutto in campionato dal momento che la prima gara del calendario 2020 è prevista per il 1° marzo in Gran Bretagna, sulla pista inglese di Matterley Basin. Nel frattempo potrà contare sul grande affetto dei suoi tifosi che, sui social, in queste ore stanno inviando tanti messaggi di rapida guarigione, oltre che sul supporto di tutto il team De Carli, in particolare su quello del suo nuovo compagno di squadra Cairoli che, da quando lo spagnolo si è trasferito vicino Roma, lo ha preso sotto la sua ala protettrice, facendogli da coach d’eccezione.