Lamborghini Urus / Automobili Lamborghini
in foto: Lamborghini Urus / Automobili Lamborghini

Automobili Lamborghini fa segnare un nuovo record. Nel 2019, la Casa automobilistica di Sant’Agata Bolognese è passata da 5.750 unità consegnate nel 2018 alle 8.205 dell’ultimo anno, con un aumento delle vendite del 43% rispetto al periodo precedente. Per il marchio italiano controllato dal gruppo Audi si tratta del nono anno consecutivo di crescita e, in assoluto, dell’anno che ha fatto registrare i numeri più alti della storia del brand italiano.

Grazie all’intenso lavoro del nostro team – ha dichiarato Stefano Domenicali, Presidente ed AD di Lamborghini Automobili  –  le vendite sono aumentate in modo sostanziale e ci hanno permesso di raggiungere cifre mai viste prima. In soli due anni abbiamo più che raddoppiato le nostre vendite, un successo che dimostra la forza del nostro brand, oltre che la qualità e la sostenibilità del nostro prodotto e della nostra strategia commerciale”.

8.205 auto vendute, 5.000 sono Urus!

A trainare le vendite, l’ottima performance del suv Urus che, con circa 5.000 esemplari venduti, vale i due terzi delle vendite complessive.

Una cifra che da sola  – ha aggiunto Domenicali – si avvicina al totale delle vendite del 2018. Anche i nostri modelli supersportivi V10 e V12 hanno mantenuto il loro posto privilegiato all'interno del mercato, grazie all'integrazione di nuovi contenuti e di nuove tecnologie”.

In particolare, si attestano a 1.104 le consegne di Lamborghini Aventador V12, mentre sono state 2.139 le Huracán V10 vendute, inclusa la nuovissima Huracán EVO, l’ultima V10 con trazione integrale. In cinque anni di produzione, sono state 14.022 le Huracán uscite dallo stabilimento di Sant’Agata bolognese, un risultato con cui l’hypercar 12 cilindri supera i numeri della sua antesignana, la Gallardo, aggiudicandosi il titolo di modello Lamborghini più venduto di sempre.  Quanto invece alla Urus, il primo suv prodotto dalla Casa del toro, al termine del primo anno completo di presenza sul mercato, il numero delle vendite è aumentato del 182% rispetto al 2018, passando da 1.761 a 4.962 unità vendute.

Salta il Salone di Ginevra 2020

Guardando invece alle consegne per area geografica, gli Stati Uniti si confermano anche nel 2019 il primo mercato con 2.374 vetture, seguiti da Chinese Mainland, Hong Kong e Macau (770), Regno Unito (658), Giappone (641), Germania (562), Medio Oriente (387), Canada (376) e Italia (370). Confermate, per il 2020, le prospettive di esercizio mentre, per quanto riguarda il punto di vista tecnologico, Lamborghini ha deciso di dedicarsi allo sviluppo strategico di varianti ibride di tutti i modelli supersportivi di nuova generazione, fedele alla strategia di presentare nuove vetture e iniziative nell’ambito di eventi in ambienti esclusivi e dedicati ai clienti e media. In questo contesto Lamborghini non sarà però presente al prossimo Salone dell'auto di Ginevra 2020.

Nonostante le crescenti incertezze a livello geopolitico, le imminenti elezioni presidenziali statunitensi e le possibili ripercussioni tariffarie che si potrebbero verificare in Europa e nel resto del mondo, i fattori economici chiave rimangono positivi, sebbene meno prevedibili, e in questo quadro Lamborghini guarda con ottimismo le previsioni per il futuro. Ci si attende che le economie maggiori continuino a crescere e, anche grazie alla sua gamma di prodotti giovani e attraenti, Lamborghini prevede nuovi livelli di crescita a medio termine, sia per quanto riguarda le vendite che il fatturato.