La Force India – Getty images
in foto: La Force India – Getty images

C'è aria di cambiamento in Force India: dopo l'amministrazione controllata e l'arrivo di Lawrence Stroll che ha acquistato la scuderia salvandola dal fallimento, ecco l'ufficialità dell'ingaggio di suo figlio, Lance Stroll, per la prossima stagione. In realtà la notizia era praticamente scontata con la Williams che aveva già annunciato entrambi i piloti – George Russell e Robert Kubica – per il 2019 e il canadese che aveva già girato con la sua nuova scuderia nei test Pirelli di Abu Dhabi.

Lance Stroll affiancherà Sergio Perez

Adesso, però, quello che era solo un rumors è stato anche confermato dalla scuderia che nella prossima stagione si presenterà al via con Sergio Perez e, appunto, Lance Stroll. Un accordo a lungo termine quello che legherà il giovane canadese alla scuderia del padre: "Questo è l'inizio di un viaggio incredibilmente emozionante nella mia carriera in F.1: non vedo l'ora di lavorare con una squadra di successo e con una grande cultura. Per me è una nuova sfida e sono entusiasta di abbracciare questa nuova opportunità" le sue parole. Solo 20 anni, ma già due stagioni all'attivo in Formula 1 per Stroll che adesso è chiamato al salto di qualità con una scuderia decisamente più avanti dell'attuale Williams, team con il quale il canadese ha debuttato nella massima serie del motorsport e ottenuto un 3° posto – nel 2017, a Baku – come miglior risultato.

Dal 2019 si chiamerà Racing Point F1

Le novità, in casa Force India, però, non finiscono con l'ufficialità dell'ingaggio di Lance Stroll: dal 2019, infatti, il team appena acquistato da Lawrence Stroll cambierà nome chiamandosi Racing Point F1. Force India era presente in Formula 1 dal 2008, da quando, pochi mesi prima Vijay Mallya aveva acquistato il team Spyker per poi compiere lo stesso processo fatto ora dalla Racing Point. La scuderia inglese, dopo il completamento del passaggio di proprietà, si presenterà ai nastri di partenza rinnovata sia nella line-up che nel nome, pronta a scrivere una nuova pagina della sua avventura in Formula 1.