Segno positivo nel mese di ottobre per il mercato italiano dell’auto. Secondo i dati diffusi dal Ministero dei Trasporti, in quest’ultimo mese sono state immatricolate 156.851 vetture, in crescita del 6,7% rispetto alle 147.039 registrate nell’ottobre dello scorso anno che, a sua volta, aveva però fatto segnare una diminuzione delle vendite del 7,2%. Si tratta quindi di una ripresa influenza dalla precedenza debolezza, come confermato anche dai livelli del cumulato dei primi dieci mesi del 2019, in calo dello 0,8% con 1.624.922 unità contro 1.638.784 del periodo gennaio-ottobre 2018.

Prosegue la contrazione del diesel

Dall’analisi della struttura del mercato per alimentazioni emerge l’espansione delle vendite di vetture a benzina che nel mese di ottobre sono cresciute del 17,6%, raggiungendo quota 45,9% del mercato. Prosegue invece la contrazione del diesel che hanno fatto segnare immatricolazioni in calo del 13,3% con quota di mercato del 35,8%. Segno positivo anche per le vendite di Gpl (+1,8%, 6,8 p.p.) e auto a metano (+2,9%, 1,9 p.p.) mentre le ibride toccano 12.500 immatricolazioni nel mese, in crescita del 42% al 7,9% di quota di mercato. Positive anche le vendite di vetture elettriche, con 939 immatricolazioni, in crescita del 59,4% (quota 0,6 p.p.).

In flessione Fca e Psa, cresce Vw

Mese di ottobre in flessione per il gruppo FCA che con 33.855 immatricolazioni fa segnare un calo del 2,15% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Segno negativo per il marchio Fiat, che cede il 4,7% (21.487 unità) e Alfa Romeo (-0,84%, 1.899 unità). Stabili le vendite di Jeep (+0,8% con 5.431 immatricolazioni), mentre conferma il trend di crescita il brand Lancia con +8,24% e 4.846 immatricolazioni. Alle spalle di Fca, che si conferma il primo costruttore in Italia, troviamo il gruppo Psa con 23.037 registrazioni e una flessione dell’1,55%. Crescono le vendite di Peugeot (9,15% con 9.772 unità), Citroën (9,44%, 6.809 unità) e la DS (157,49%, 533 unità), mentre Opel, con 5.923 unità immatricolate, cala del 26,11%.

In controtendenza il gruppo Volkswagen che fa segnare una nuova crescita con 26.654 immatricolazioni in quest’ultimo mese, il 30,9% in più rispetto a un anno fa. Il marchio Volkswagen cresce del 36,96% (16.890 unità vendute), Audi del 24,92% (5.559 unità) e Seat del 61,24% (2.159 unità). In calo Skoda con un -8,04% (2.035 unità) e Lamborghini (-50,71%) e sole 11 immatricolazioni. Segno positivo anche per il gruppo Renault con 13.502 immatricolazioni e una crescita del 18,77%. Il marchio Renault fa segnare un aumento dell'11,16% con 8.368 immatricolazioni così come il brand Dacia, in crescita del +33,7% con 5.134 registrazioni. Andamento positivo anche per Ford che con 10.772 veicoli registrati e una crescita dell’1,57% si conferma il quinto costruttore italiano.

La top ten delle auto più vedute (ottobre 2019)

1. Fiat Panda – 10.910 unità
2. Lancia Ypsilon – 4.846
3. Toyota Yaris – 3.763
4. Fiat 500X – 3.451
5. Citroen C3 – 3.377
6. Volkswagen T-Cross – 3.355
7. Volkswagen T-Roc – 3.294
8. Renault Captur – 3.142
9. Dacia Duster – 3.123
10. Ford Fiesta – 3.024