Inizia bene l'anno per il mercato europeo dell'auto: a gennaio, infatti, le immatricolazioni di nuove vetture nei paesi UE più quelli appartenenti all'Efta hanno toccato quota 1.286.378 vetture, secondo quanto comunicato questa mattina dall'associazione europea dei produttori Acea facendo segnare un incremento del 6,8% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Nella sola Ue, invece, le immatricolazioni sono aumentate del 7,1% con 1,2 milioni di immatricolazioni rispetto agli 1,1 milioni di gennaio 2017.

Tutti i mercati hanno fatto registrare il segno più ad eccezione del Regno Unito dove si è avuto, per la decima volta consecutiva, un calo del 6,3%. Il migliore tra tutti è stato quello spagnolo con un +20,3%, seguito poi dalla Germania con l'11,6%. Si difendono Italia e Francia che registrano rispettivamente incrementi del 3,4% e del 2,5%. A far crescere il mercato, secondo il presidente del Centro Studi Promotor Gian Primo Quagliano, sono soprattutto due fattori come la forte crescita dell'economia mondiale e il formidabile impatto dell’innovazione tecnologica che sta cambiando l'automobile. Decisivo, inoltre, il peso dei cinque maggiori Paesi dell’Unione, dove le immatricolazioni complessive sono state 869.373, il 69,3% del totale.

Vola Jeep, Volkswagen e Renault in crescita

Ancora segno positivo per il gruppo Fca che fa segnare un buon +1,2% con 84.953 vetture immatricolate, ma una quota di mercato in calo al 6,6% rispetto 7% di gennaio 2017. Vola Jeep con un'accelerazione del +68,1% mentre l'Alfa Romeo prosegue nel trend positivo facendo registrare un incremento del 24,4% ancora grazie a Giulia e Stelvio. In negativo, invece, Fiat (-5,8%) e la Lancia – Chrysler (-27,1%). Le due vetture più vendute del segmento A di Fca sono state, come al solito, 500 e Panda con quasi 30 mila vetture immatricolate che e porta ad avere una quota, insieme, pari al 28,5%. In particolare, le vendite della 500L sono aumentate del 5% rispetto all'anno scorso e quelle della 500X (oltre 9.100) sono il 21,85% in più rispetto allo stesso mese di un anno fa, per una quota nel suo segmento del 7,5%. Con oltre 10 mila immatricolazioni nel mese, è cresciuta anche la Tipo (+4,5%).Volkswagen e Renault fanno meglio del mercato e segnano una crescita nelle immatricolazioni rispettivamente dell’8,7% e del 9,5%: per il gruppo tedesco in grande spolvero i marchi Skoda e Seat, entrambi intorno al 20% di immatricolazioni in più rispetto a gennaio 2017, mentre le vendite a marchio Volkswagen comunque mettono a segno un +4,4%; all’interno del Gruppo francese, invece, il brand Renault cresce del 6%, Dacia del 17%. Ford, Bmw e Gruppo Daimler crescono meno del mercato mentre Toyota mette a segno un incremento nelle vendite dell’8,4%.