Appuntamento con la storia per la Mercedes che, nel Gran Premio del Brasile, potrebbe festeggiare il titolo costruttori: le Frecce d'argento, infatti, devono amministrare 55 punti di vantaggio sulla Ferrari e se dovessero riuscire a finire davanti alle Rosse – o se riuscissero a limitare i danni perdendo meno di 12 punti dai rivali – si aggiudicherebbero il quinto mondiale consecutivo, impresa riuscita nella storia della Formula 1 solo alla scuderia italiana ai tempo d'oro di Michael Schumacher, Jean Todt e Ross Brawn.

Premio extra in caso di conquista del titolo costruttori

Una vera e propria impresa quella della scuderia di Brackley che ha già pronta la festa; sarà compito del campione del mondo Lewis Hamilton – che in Messico si è aggiudicato il titolo piloti – e del suo compagno di squadra Valtteri Bottas portare a termine la missione che, se dovesse riuscire consegnerebbe alla scuderia anglo-tedesca un posto di rilievo nella storia della Formula 1. Siccome la motivazione potrebbe non bastare a far dare il 100% agli uomini in grigio, la Mercedes, come riportato dal tabloid inglese The Sun, ha deciso di stanziare anche un bonus extra: se dovesse arrivare il titolo, infatti, i 900 dipendenti della casa della Stella riceveranno un premio di circa 11mila euro a testa.

Lewis Hamilton – LaPresse
in foto: Lewis Hamilton – LaPresse

Bonus da 3 milioni di euro anche per Hamilton dopo la conquista del titolo piloti

Un ricompensa, quella stabilita dalle Frecce d'argento in caso di conquista del mondiale costruttori, per il duro lavoro svolto che ha permesso a Lewis Hamilton di laurearsi campione del mondo per la quinta volta in carriera e che permetterebbe alla Mercedes di raggiungere il quinto titolo consecutivo. Un premio che si aggiunge a quello già ricevuto dall'inglese che per la conquista dell'iride ha ricevuto un bonus di 3 milioni di euro. "Voglio davvero vincere il titolo di questo costruttori per la squadra, significa davvero il mondo per loro e il mio unico obiettivo ora è cercare di vincere queste prossime due gare così da renderlo possibile" sono state le parole del britannico. Un incentivo importante quello promesso dalla scuderia di Brackley, un motivo in più per centrare il secondo obiettivo stagionale e prendersi un posto nella storia della Formula 1 eguagliando il record che ancora appartiene alla Ferrari.